Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Burkhalter raccomanda prudenza

Come tradizione vuole, il nuovo ministro dell'interno Didier Burkhalter ha stilato martedì un primo bilancio a 100 giorni dalla sua entrata in carica. Egli ha messo pure l'accento sull'importanza di stabilizzare le relazioni con la Germania.

Didier Burkhalter è stato interpellato sull'intenzione della Germania di acquistare dati bancari rubati in Svizzera. Il ministro dell'interno ha fatto presente l'importanza di accelerare la conclusione di un accordo di doppia imposizione con Berlino che riconosca l'evasione fiscale.

«Di fronte alle turbolenze che stanno mettendo in difficoltà la Svizzera, occorre stabilizzare le relazioni con i nostri principali partner», ha affermato il ministro. La Germania – ha ricordato – «è il nostro primo partner commerciale. Non vi è dunque motivo di sospendere i negoziati concernenti un accordo di doppia imposizione».

A livello generale, Burkhalter si è posto tre priorità: riformare l'assicurazione malattia, consolidare il sistema sociale e rafforzare la formazione e la ricerca.

In particolare, il responsabile del Dipartimento dell'interno si è prefisso di ridurre di 3 punti l'aumento dei premi malattia entro il 2011. Sul fronte sanitario, il ministro liberale radicale ha inoltre annunciato l'imminente costituzione di un gruppo d'esperti. Burkhalter ha pure ribadito la sua intenzione di generalizzare le reti di cure integrate.

In programma vi sono poi l'introduzione di un nuovo finanziamento ospedaliero, la riforma del sistema di compensazione dei rischi e – a più lunga scadenza – una soluzione di finanziamento monista (un solo attore si assume i costi, mentre attualmente assicuratori e poteri pubblici si spartiscono questo compito in ambito ospedaliero).

Sul fronte sociale, il ministro intende consolidare il sistema attuale alla luce dell'invecchiamento della popolazione e dell'indebitamento progressivo delle assicurazioni. Burkhalter ha quindi sottolineato l'importanza di far accettare la revisione della legge sulla previdenza professionale (LPP). In seguito, ha aggiunto, dovrà essere affrontata la sesta revisione dell'assicurazione invalidità.

In merito alla formazione e la cultura, Burkhalter auspica che la Svizzera «si impegni per confermare i livelli raggiunti». In quest'ottica, si dovrà procedere alla revisione totale della legge sulla ricerca e l'innovazione e decidere i crediti relativi a formazione e ricerca per il periodo 2013-2016.

swissinfo.ch e agenzie

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.