Navigation

I milioni sono in effetti finiti nelle tasche di Juan Carlos

Juan Carlos I, ex re di Spagna. Copyright 2019 The Associated Press. All Rights Reserved.

L'ex re spagnolo ha regolarizzato la sua situazione relativa al denaro non dichiarato al fisco, ammettendo così che i fondi presumibilmente illegali della Fondazione Zagatka appartengono a lui. Juan Carlos è al centro di indagini anche in Svizzera.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 marzo 2021 - 08:28

Il re emerito Juan Carlos ha pagato volontariamente più di quattro milioni di euroLink esterno al fisco spagnolo per evitare un procedimento penale per evasione fiscale.

Saldando il debito fiscale, Juan Carlos ammette di aver beneficiato di prestazioni milionarie fornite dalla Fondazione Zagatka di suo cugino Álvaro de Orleans. La regolarizzazione della sua situazione fiscale non mette tuttavia fine alla vicenda: inquirenti spagnoli e svizzeri sospettano che la Fondazione Zagatka sia servita per nascondere presunte commissioni illegali a favore di Juan Carlos.

Cos'è la Fondazione Zagatka?

La Fondazione Zagatka è stata creata il 1° ottobre 2003 nel Liechtenstein. Il principale beneficiario è Álvaro de Orleans, un lontano cugino del re emerito. Juan Carlos era il terzo beneficiario fino al 2020. Nel marzo dello scorso anno, sui conti di Zagatka erano depositati circa 10 milioni di euro, ha dichiaratoLink esterno Álvaro de Orleans a El País.

In base ai suoi statuti, la fondazione è stata creata per aiutare l'allora capo di Stato Juan Carlos a ottenere un "riconoscimento del suo contributo alla democrazia in Spagna".

Tuttavia, gli inquirenti sospettano che Zagatka sia servita a nascondere delle commissioni presumibilmente illegali versate al re Juan Carlos. Secondo El ConfidencialLink esterno, l'inchiesta di Ginevra ha rilevato che il flusso di denaro dal conto Zagatka si è "intensificato" dopo l'abdicazione di Juan Carlos nel 2014. E durante un interrogatorio nel 2018, Álvaro de Orleans ha confessato alla procura di GinevraLink esterno di aver ricevuto circa 5 milioni di dollari per la sua mediazione in un progetto di un resort di lusso in Messico.

Lo scorso giugno, la fondazione Zagatka ha cambiato i suoi statuti. Juan Carlos non è più un beneficiario della fondazione. L'unico obiettivo della fondazione è quello di garantire sostegno finanziario alla famiglia di Álvaro de Orleans.

End of insertion

Fino al 2015, la fondazione aveva un conto presso una grande banca svizzera. Poi il denaro è stato trasferito a una banca privata di GinevraLink esterno. Inoltre, due degli amministratori della fondazione sono svizzeriLink esterno. Ecco perché le autorità elvetiche e spagnole stanno collaborando all'indagine.

Contattato da SWI swissinfo.ch, l'Ufficio federale di giustizia conferma di aver ricevuto una richiesta supplementare di assistenza giudiziaria da parte delle autorità spagnole nel settembre 2020.

"Nessun prestanome"

La magistratura svizzeraLink esterno sta indagando se Álvaro de Orleans fosse un prestanome di Juan Carlos. Se il sospetto verrà confermato, Álvaro de Orleans dovrà affrontare un procedimento in Svizzera per riciclaggio di denaro.

Il 2 marzo, El MundoLink esterno ha pubblicato una dichiarazione di Álvaro de Orleans, secondo la quale non ci sono procedimenti penali nei suoi confronti in Svizzera, in Spagna o in qualsiasi altro Paese. Il fatto che il re emerito abbia legalizzato più di quattro milioni di euro "non significa affatto che la fondazione o i suoi patrimoni fossero di sua proprietà [di Juan Carlos]", sostiene de Orleans. Nega anche di essere "il prestanome o il fiduciario" di Juan Carlos e che Zagatka sia "una società di facciata o sia accusata di esserlo".

Regalo milionario all'ex amante

La vicenda aggiunge un altro capitolo alla storia di Juan Carlos e dei milioni depositati su conti svizzeri. Le autorità spagnole e svizzere collaborano sul caso Juan Carlos già dal febbraio 2020.

Nel febbraio 2021, secondo El MundoLink esterno, due presunti prestanome di Juan Carlos hanno dovuto testimoniare davanti al procuratore di Ginevra, verosimilmente nell'ambito di un'altra causa.

La procura di Ginevra vuole chiarire l'origine dei 65 milioni di euro che il monarca ha dato alla sua ex amante Corinna Larsen. C'è il sospetto che si tratti di commissioni illegali provenienti dall'Arabia SauditaLink esterno.

Il denaro era stato versato senza detrazioni fiscali su un conto di una banca privata a Ginevra.

Stando a El PaísLink esterno, né la banca di Ginevra né l'amministratore esterno del conto hanno chiesto a Juan Carlos di regolarizzare la situazione fiscale. Il dipartimento per il controllo della conformità e l'ufficio legale della banca non sapevano nemmeno che Juan Carlos fosse un cliente. I fatti hanno avuto luogo nel 2008, molto prima che lo scambio automatico di informazioni sui conti finanziari entrasse in vigore.

La banca in questione, contattata da SWI swissinfo.ch, non ha voluto né confermare né negare i suoi legami con Juan Carlos a causa del segreto bancario e del procedimento in corso. Tuttavia, "respinge fermamente ogni accusa di violazione di qualsiasi legge o regolamento".

Juan Carlos è attualmente in esilio ad Abu Dhabi. Secondo il suo avvocato, è a disposizione della giustizia. In Spagna, è indagato in altri casi.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.