Prospettive svizzere in 10 lingue

I parchi solari alpini saranno sottoposti a votazione pubblica nel Canton Vallese

Pannelli solari in montagna.
Pannelli solari sui paravalanghe a Bellwald, nel Canton Vallese. Gli attivisti del Canton Vallese si oppongono all'idea di costruire grandi parchi solari nelle Alpi. © Keystone / Jean-christophe Bott

Gli elettori del Canton Vallese, nella Svizzera meridionale, avranno probabilmente l'ultima parola sulla costruzione di grandi parchi solari nelle regioni di alta montagna.

Gli attivisti del Partito Verde del Vallese, del gruppo di conservazione Pro Natura e di altre sette organizzazioni hanno consegnato mercoledì 6.000 firme – il doppio della cifra necessaria – alla Cancelleria di Stato per imporre un voto referendario.

Gli attivisti si oppongono a un decreto approvato a febbraio dal Parlamento vallesano che facilita e accelera la procedura di autorizzazione per la costruzione di grandi parchi solari in montagna.

Attualmente la Svizzera ricava il 6% dell’elettricità dal sole. Le ricerche dimostrano che l’installazione di pannelli solari sulle cime delle Alpi svizzere potrebbe generare almeno 16 terawattora (TWh) di elettricità all’anno, ovvero quasi la metà dell’energia solare che le autorità intendono produrre annualmente entro il 2050. Grandi progetti solari di montagna esistono in alcune regioni della Cina e piccoli parchi solari si trovano sulle montagne di Francia e Austria. Le grandi installazioni sono attualmente rare nelle Alpi svizzere.

Tuttavia, la crisi climatica e l’urgenza della carenza energetica invernale stanno provocando un ripensamento radicale. Lo scorso autunno i parlamentari hanno condotto un’offensiva solare per semplificare e accelerare la costruzione di impianti solari alpini.

+ Leggi le tensioni che circondano i parchi solari di montagna

Sono emerse circa una dozzina di proposte di progetti, soprattutto nei cantoni Vallese e Grigioni, per sfruttare i recenti sviluppi.

Secondo gli esperti, i parchi solari alpini offrono alcuni vantaggi, soprattutto perché la maggior parte dell’energia verrebbe prodotta in inverno, quando le forniture sono critiche. Nelle Alpi c’è molto sole, soprattutto in inverno, e si può produrre energia solare al di sopra delle nuvole, sostengono.

+ Imprese elettriche a caccia di opportunità solari nelle Alpi

Ma ci sono ancora molte incognite riguardo ai parchi solari alpini, soprattutto per quanto riguarda i costi, i benefici economici e i luoghi adatti.

Secondo alcuni ambientalisti, l’accelerazione dei progetti solari nelle Alpi sta avvenendo a spese della natura. I promotori della raccolta di firme temono che centinaia di ettari di pascoli montani possano essere ceduti a favore di enormi parchi solari. Sostengono che si dovrebbe dare la preferenza all’installazione di pannelli solari su strutture esistenti in montagna che sono in gran parte poco sfruttate, come muri di dighe, barriere antivalanghe, laghi di accumulo, impianti di risalita o infrastrutture stradali.

Lunedì è stato annunciato che i piani per la costruzione di un enorme parco solare nel Parco Naturale di Binntal a Grengiols, nella Svizzera sud-occidentale, sono stati drasticamente ridotti in seguito alle resistenze degli ambientalisti.

Articoli più popolari

I più discussi

Attualità

persona anziana con gli sci

Altri sviluppi

Sylvain Saudan, “Sciatore dell’impossibile”, è morto a 87 anni 

Questo contenuto è stato pubblicato al Pochi avrebbero scommesso che Sylvain Saudan, pioniere dello sci estremo, sarebbe morto nella tranquillità di casa sua in tarda età. Eppure, è ciò che è successo lo scorso 14 luglio.

Di più Sylvain Saudan, “Sciatore dell’impossibile”, è morto a 87 anni 
Trump

Altri sviluppi

Attentato a Trump, le reazioni della politica svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al In seguito all'attentato a Donald Trump avvenuto nel corso di un comizio e nel quale l'ex presidente statunitense è stato leggermente ferito a un orecchio, la politica elvetica ha reagito. La presidente Viola Amherd si è detta "scioccata".

Di più Attentato a Trump, le reazioni della politica svizzera

Altri sviluppi

Manifestazioni in diverse città per lo sciopero delle donne

Questo contenuto è stato pubblicato al In tutta la Svizzera le donne sono scese oggi in piazza: in diverse città le associazioni femministe hanno chiamato a manifestare per affermare i propri diritti. Gli eventi in programma per lo sciopero erano numerosi.

Di più Manifestazioni in diverse città per lo sciopero delle donne
aerei

Altri sviluppi

Aerei militari atterrano sull’autostrada

Questo contenuto è stato pubblicato al Quattro caccia F/A-18 si sono posati sull'asfalto dell'A1 a Payerne (Canton Vaud) nell'ambito di un'esercitazione militare che non veniva più effettuata dai tempi della Guerra Fredda.

Di più Aerei militari atterrano sull’autostrada

Altri sviluppi

CSt: ok a programma nazionale contro antisemitismo

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera deve essere liberata dalla piaga del razzismo e dell'antisemitismo, che trascende le frontiere sociali e partitiche, lanciando un piano d'azione nazionale contro questi fenomeni.

Di più CSt: ok a programma nazionale contro antisemitismo

Altri sviluppi

CSt: quasi un miliardo per la cultura

Questo contenuto è stato pubblicato al Per il periodo 2025-2028, il settore della cultura dovrebbe beneficiare di un budget di quasi 990 milioni di franchi.

Di più CSt: quasi un miliardo per la cultura

Altri sviluppi

GE: ex consigliera di Stato usò risorse pubbliche per sua campagna

Questo contenuto è stato pubblicato al A Ginevra l'ex consigliera di Stato ecologista Fabienne Fischer ha utilizzato risorse pubbliche per la sua campagna elettorale del 2023: è la conclusione cui è giunta la Commissione di controllo e di gestione del Gran Consiglio resa pubblica oggi.

Di più GE: ex consigliera di Stato usò risorse pubbliche per sua campagna

Altri sviluppi

Borsa svizzera: apre in ribasso

Questo contenuto è stato pubblicato al La borsa svizzera apre in ribasso la seconda seduta della settimana: poco dopo le 09.20 l'indice dei valori guida SMI segnava 11'997,45 punti, in flessione dello 0,08% rispetto a ieri.

Di più Borsa svizzera: apre in ribasso

Altri sviluppi

Trump verso il giorno del giudizio, De Niro lo attacca

Questo contenuto è stato pubblicato al Si avvicina il giorno del giudizio per Donald Trump nel caso pornostar: dopo oltre un mese di processo, mercoledì il giudice darà le istruzioni alla giuria prima che si ritiri in camera di consiglio. Una decisione è attesa entro fine settimana.

Di più Trump verso il giorno del giudizio, De Niro lo attacca

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR