Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Prevenzione delle catastrofi Il modo svizzero di gestire i rischi naturali

Gli specialisti mondiali nella prevenzione delle catastrofi naturali sono riuniti in una conferenza a Ginevra. Come preambolo, la settimana scorsa la stampa estera è stata invitata sul campo.

strada di montagna inondata da un torrente straripato

Nelle regioni alpine, come il cantone del Vallese, ogni torrente di montagna è una spada di Damocle.

(Keystone / Police Cantonale Vs)

Ginevra ospita al 15 al 17 maggio la Conferenza internazionale sulla riduzione dei rischi di catastrofi (GPDRRLink esterno), la più grande riunione mondiale di specialisti del settore. All’incontro, organizzato dall’Ufficio delle Nazioni unite per la riduzione dei rischi di catastrofi (UNDRRLink esterno) e dal governo svizzero, partecipano circa 4000 rappresentanti di 150 paesi, tra cui anche dei ministri.

I risultati della conferenza arricchiranno le discussioni del Forum politico di alto livello sullo sviluppo sostenibile e del Vertice mondiale sul clima del 2019.

Danni ancora visibili

Ondate di calore, inondazioni, siccità e ritiro dei ghiacciai: gli eventi meteorologici estremi sono in aumento e gli effetti dei cambiamenti climatici si fanno sempre più sentire, incidendo sulla natura, sull'ambiente e su tutte le attività umane. E la Svizzera non è risparmiata.

Venerdì 10 maggio le autorità federali hanno organizzato una visita in Vallese per la stampa estera che lavora in Svizzera. Scendendo nelle gole di un torrente di montagna, una ventina di corrispondenti dei media cinesi, russi, giapponesi, brasiliani ed europei hanno potuto vedere come un singolo evento (l'alluvione del 2006) ha cambiato il volto di un sito.

Eric Bardou, vicedirettore del gruppo Riduzione dei pericoli naturali e ambiente del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA), ha guidato questa escursione piuttosto sportiva, sottolineando che in regioni come il Vallese, il ventaglio di pericoli naturali è molto ampio. Ma la Svizzera ha una buona esperienza.

"Se pensiamo alle valanghe, le prime infrastrutture di protezione risalgono a più di sessant'anni fa. Ma nel corso del tempo, e soprattutto a seguito dei disastri che il paese ha vissuto all'inizio del secolo, abbiamo sviluppato quella che viene chiamata la gestione integrata dei rischi”.

Le misure di prevenzione, preparazione e risposta alle catastrofi sono considerate nel loro insieme e coordinate. Ciò richiede la collaborazione di molti attori: servizi di sicurezza invernale che sorvegliano manti nevosi instabili, guardie forestali che pensano alle foreste come strutture di protezione, specialisti di Meteosuisse, idrologi che controllano le inondazioni, ecc.

La gestione integrata dei rischi porta anche ad una ridefinizione dei ruoli: in montagna, i vigili del fuoco hanno imparato a spegnere un incendio, ma devono anche essere pronti a evacuare gli abitanti di un villaggio durante le inondazioni.


(Traduzione dal francese: Armando Mombelli)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

Come votano gli Svizzeri all'estero? Partecipa al sondaggio SSR !

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.