Navigation

Molti rapporti senza preservativi per denaro in Svizzera

Circa un quinto dei lavoratori del sesso rinuncia al preservativo se ha fiducia nel cliente. Keystone

I professionisti del sesso in Svizzera sono consapevoli dei rischi di un rapporto non protetto. Ciò nonostante molti rinunciano al preservativo, per guadagnare di più, emerge da un'inchiesta dell'università di Losanna, cui hanno partecipato quasi 600 lavoratori del sesso, di cui il 92% erano donne.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 giugno 2017 - 14:00
swissinfo.ch con agenzie/dos

Nove intervistati su dieci hanno dichiarato di essere consapevoli del fatto che un profilattico potrebbe ridurre al minimo il rischio di trasmissione dell'HIV, il virus dell'AIDS. Otto su dieci hanno d'altro canto detto di essere coscienti che anche un cliente fisicamente sano può essere portatore del virus e dunque trasmettere la malattia. Tuttavia, per vari motivi, non sempre utilizzano una protezione.

Ad esempio, il 34% dei 579 intervistati ha dichiarato di aver avuto rapporti sessuali non protetti perché il cliente pagava di più per quel servizio. Quasi il 23% degli intervistati ha dichiarato di averlo fatto perché il cliente semplicemente non voleva utilizzare un preservativo. Un altro 21,5% ha detto di rinunciare preservativo quando si fida del cliente.

Contenuto esterno


Gli autori dell'indagine conoscitiva ritengono che l'elevata concorrenza nella caccia ai clienti e le precarie condizioni economiche e sociali di molti professionisti del sesso, nonostante che la prostituzione in Svizzera sia legale, possano spiegare la decisione di assumere rischi maggiori.

Tuttavia, oltre il 30% ha affermato che nel corso dell'ultimo anno un cliente si era deliberatamente tolto il condom durante il rapporto sessuale, senza chiedere il consenso. Inoltre succede spesso che un preservativo scivoli via o si rompa.

Contenuto esterno


La ricerca è stata commissionata dall'Ufficio federale della sanità pubblica all'Istituto di medicina sociale e preventiva dell'università di Losanna, nell'ambito del monitoraggio della diffusione dell'HIV e altre malattie sessualmente trasmissibili in Svizzera.

Nell'indagine sono pure stati esaminati gli ambiti di provenienza dei lavoratori del sesso in Svizzera e i motivi che li hanno portati ad esercitare questa professione. Più della metà ha detto di averlo fatto per aiutare la famiglia; un quarto per pagare dei debiti.

Solo l'8% degli intervistati ha un passaporto svizzero. L'Europa dell'Est è la regione di provenienza con la proporzione più elevata.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.