Navigation

Trascorrere la vecchiaia in Svizzera

Christof Schürpf/Keystone

La Svizzera è tra i Paesi che offrono le migliori condizioni di vita e di sicurezza ai pensionati. Tuttavia, straniere e stranieri che desiderano trascorrervi la loro terza età devono disporre di notevoli risorse finanziarie.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 agosto 2022 - 17:00
swissinfo.ch

Le persone di nazionalità straniera provenienti da Paesi dell'Unione Europea (UE) e dell'Associazione europea di libero scambio (AELS) possono soggiornare in Svizzera da pensionate/i se dimostrano di avere mezzi finanziari sufficienti a mantenersi e provvedere ai bisogni della della loro famiglia. Devono inoltre stipulare un'assicurazione sanitaria e contro gli infortuni che copra tutti i rischi su suolo elvetico.

Chi proviene da Stati terzi (incluso il Regno Unito) deve inoltre provare di intrattenere legami personali con la Svizzera, ad esempio perché vi ha soggiornato a lungo in passato (per vacanze, studi o lavoro) oppure ha relazioni strette o di parentela con persone che vi risiedono. Non può infine esercitare alcuna attività lucrativa, né qui né all'estero, ad eccezione della gestione del proprio patrimonio.

Per ottenere un permesso di soggiorno bisogna inoltrare richiesta all'autorità della migrazione del futuro Cantone di domicilio. Il permesso B (dimora) è accordato per una durata di 5 anni. Se alla scadenza i requisiti sono ancora soddisfatti, viene prolungato per altri 5 anni.

A seconda della nazionalità del richiedente, potrebbe essere anzitutto necessario ottenere un visto d'ingresso dall'ambasciata svizzera o da un consolato svizzero nel Paese di partenza.


In conformità con gli standard di JTI

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?