Navigation

G20: lavori conclusi, ripresa c'è ma restano rischi, fare di più

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 novembre 2010 - 08:49
(Keystone-ATS)

SEUL - "La ripresa globale continua ad avanzare ma i rischi di inversione permangono. Siamo decisi a fare di piu"'. È quanto sottolineano i Grandi del G20 nel comunicato finale del summit sudcoreano. Il G20 lancia dunque "un piano di Azione di Seul" per "assicurare un fermo impegno a cooperare", per "produrre un piano con impegni politici di ciascun paese e raggiungere i tre obiettivi di una crescita forte, sostenibile, equilibrata".
Il G20 resterà "vigile" sugli "eccessi di volatilità delle valute" e ribadisce il no "alle svalutazioni competitive" sostenendo la "flessibilità dei tassi di cambio" per riflettere i "fondamentali economici". Sul fronte degli squilibri commerciali invece - si legge nel comunicato finale - si sottolinea il no al protezionismo e la necessità "di ridurre gli eccessi" a livelli "sostenibili".
Il G20 affida al "Gruppo di lavoro sul framework, con il supporto tecnico dell'Fmi e altre organizzazioni internazionali", lo sviluppo di "linee guida indicative" da riferire ai ministri delle finanze e ai Governatori Centrali". Una prima verifica - sottolinea - sarà a metà del 2011.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?