Navigation

Scontro confine India-Cina: 20 soldati indiani uccisi secondo Delhi

Nella motagnosa regione di confine contesa tra i due paesi da settimane si registrano schermaglie tra i due eserciti. Keystone/AP/MANISH SWARUP sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 giugno 2020 - 20:19
(Keystone-ATS)

Almeno 20 soldati indiani sono morti in uno scontro con le truppe cinesi sul conteso confine. Si tratta del primo confronto mortale dopo 45 anni tra due giganti asiatici.

Un portavoce dell'esercito indiano ha detto questa sera che 17 militi indiani sono morti dopo essere stati gravemente feriti nell'incidente della scorsa notte ed esposti a temperature sotto lo zero e ad alta quota.

Nello scontro violento ci sono state anche vittime cinesi, ha scritto su Twitter il caporedattore del giornale statale cinese "Global Times". Secondo i media indiani, si tratta dei primi morti da decenni sul conteso confine dei due grandi Paesi confinanti.

Pechino, che non ha riferito pubblicamente di alcuna vittima tra le sue truppe, ha accusato l'India di essere responsabile dell'incidente, avendo attraversato due volte la contestata frontiera. Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha dichiarato che "le truppe indiane hanno gravemente violato il consenso bilaterale il 15 giugno e hanno attraversato il confine per due volte, prima di impegnarsi in attività illegali e di provocare e attaccare i soldati cinesi, con il risultato di un grave scontro fisico".

Secondo quanto ha riferito all'agenzia AFP un militare indiano di base nella regione, che ha chiesto l'anonimato perché non gli è permesso di parlare con la stampa, "non sono state usate armi da fuoco. C'è stato un violento combattimento corpo a corpo".

Dall'inizio di maggio le truppe delle due potenze nucleari si sono trovate in diversi faccia-a-faccia tesi lungo il loro confine comune, soprattutto nel Ladakh, e hanno dispiegato migliaia di militi. Una crisi che le parti, tuttavia, sostengono di voler "risolvere pacificamente" attraverso i canali diplomatici. In seguito ai colloqui tra i generali dei due eserciti, una decina di giorni fa, era stato avviato un processo di disimpegno militare in alcune delle zone contese.

L'ultimo conflitto aperto tra le due nazioni più popolose del mondo risale alla guerra lampo del 1962 nella zona dell'Himalaya, che vide le truppe indiane rapidamente sconfitte dall'esercito cinese. L'ultima scaramuccia mortale tra militari indiani e cinesi risale al 1975, quando quattro soldati indiani avevano perso la vita nell'Arunachal Pradesh (est).

All'inizio di maggio, nella regione del Sikkim (India orientale) si erano verificati scontri a colpi di pugni, pietre e bastoni tra i soldati dei due paesi, e diverse persone erano rimaste ferite. Le truppe cinesi erano avanzate anche in aree considerate dall'India sul suo territorio nel Ladakh, spingendo Nuova Delhi ad inviare rinforzi nella regione.

India e Cina hanno diverse dispute territoriali di lunga data nelle aree del Ladakh e dell'Arunachal Pradesh. Negli ultimi anni sono diventati più frequenti i faccia-a-faccia nelle aree montane. Nel 2017, le truppe dei due giganti asiatici hanno aumentato gli effettivi per più di due mesi su un altopiano strategico dell'Himalaya nella regione del Bhutan. I colloqui avevano poi portato a un disimpegno militare da entrambe le parti.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.