Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

CITTÀ DEL VATICANO - Quella che avverrà a Torino dal 10 aprile al 23 maggio è la prima Ostensione della Sindone nel nuovo millennio, a dieci anni di distanza da quella del 2000. Si sono già prenotati 1,3 milioni di pellegrini - è stato detto oggi nella presentazione presso la sala stampa vaticana - che "vedranno una Sindone che - nella continuità col passato - ha migliorato la sua visibilità, grazie all'importante intervento di conservazione eseguito nel 2002, con il quale sono state rimosse le toppe apposte dalle Clarisse di Chambery e hanno potuto essere attenuate le profonde pieghe che deturpavano l'immagine".
Sono cambiate, da dieci anni a questa parte, anche le condizioni di conservazione. La Sindone è riposta distesa anziché arrotolata, come era avvenuto negli ultimi secoli. In questo modo si riduce il rischio che le pieghe del tessuto, formatesi negli anni proprio a causa dell'arrotolamento, invadano parti dell'immagine.
L'Ostensione sarà caratterizzata anche dalla visita di Benedetto XVI, domenica 2 maggio. Il Papa si recherà a venerare la Sindone come già il suo predecessore Giovanni Paolo II (24 maggio 1998) e celebrerà la messa in piazza San Carlo. Il cardinale Ratzinger si era già recato a venerare la Sindone durante l'ostensione del 1998, guidando il pellegrinaggio della Congregazione per la dottrina della fede.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS