Navigation

Tratta esseri umani: Svizzera deve migliorare tutela vittime

La Svizzera deve fare di più per identificare e tutelare le vittime della tratta di esseri umani e, inoltre, non punirle se partecipano ad attività vietate. Lo chiede il gruppo di esperti ad hoc del Consiglio d'Europa in un rapporto pubblicato oggi. KEYSTONE/ALESSANDRO DELLA BELLA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 ottobre 2019 - 13:14
(Keystone-ATS)

La Svizzera deve fare di più per identificare e tutelare le vittime della tratta di esseri umani e, inoltre, non punirle se partecipano ad attività vietate. È quanto chiede il gruppo di esperti ad hoc del Consiglio d'Europa in un rapporto pubblicato oggi.

Gli esperti, che avevano già stilato una prima relazione nel 2015, ora attestano che la Svizzera ha compiuto notevoli progressi nella lotta contro la tratta di esseri umani. Da allora esiste un piano d'azione nazionale, una formazione per i rappresentanti delle autorità e misure di sensibilizzazione della popolazione e del personale medico. La commissione accoglie con favore sia l'aumento del numero di posti nelle strutture di accoglienza delle vittime sia l'intensificazione dell'azione penale.

Il gruppo di esperti raccomanda ora alla Svizzera di introdurre una procedura uniforme per identificare le vittime della tratta di esseri umani in tutti i Cantoni. L'obiettivo è quello di prestare maggiore attenzione allo sfruttamento sul posto di lavoro. Secondo gli esperti, ciò può essere fatto formando adeguatamente gli ispettori del lavoro.

Il rapporto odierno raccomanda anche di proteggere i bambini non accompagnati o separati dalle loro famiglie. Dovrebbero essere adeguatamente sistemati e accuditi. Se uno di questi minorenni scompare, la polizia deve indagare in modo sistematico. Anche in questo caso, tutti gli attori dovrebbero essere adeguatamente formati.

Gli esperti del Consiglio d'Europa ricordano poi che tutte le vittime della tratta di esseri umani e dello sfruttamento in patria o all'estero hanno diritto alla protezione, compresi i richiedenti asilo. Al legislatore vengono chieste misure per garantire che le vittime non siano punite per la loro partecipazione ad attività illegali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.