Prospettive svizzere in 10 lingue

Ambasciata svizzera in Israele rimane aperta

Edifici distrutti a Tel Aviv, dove si trova l'ambasciata svizzera. KEYSTONE/EPA/ABIR SULTAN sda-ats

(Keystone-ATS) L’ambasciata svizzera a Tel Aviv è rimasta aperta questo week-end, malgrado il caos nel quale è piombato Israele da ieri, dopo l’attacco di Hamas. Operativo anche l’ufficio di rappresentanza a Ramallah, in Cisgiordania.

Lo ha indicato oggi il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) a Keystone-ATS, aggiungendo che finora non ci sono informazioni riguardo a vittime svizzere.

Stando al DFAE, circa in 230 hanno contattato la sua helpline per ottenere ragguagli sulla situazione nello Stato ebraico. Si trattava di persone attualmente sul posto, di altre che stavano pianificando un viaggio in Israele e di parenti preoccupati.

Berna non sta organizzando partenze da Israele, precisa il DFAE, per i 28’000 connazionali ufficialmente registrati nel Paese e nei Territori palestinesi. Tuttavia, i servizi di Ignazio Cassis stanno chiarendo se cittadini svizzeri possano approfittare di viaggi allestiti da Stati partner.

La Svizzera inoltre sostiene la riunione urgente del Consiglio di sicurezza dell’Onu, in programma oggi per discutere dell’escalation in Medio Oriente. Lo scrive su X (ex Twitter) il capo della comunicazione del DFAE Nicolas Bideau, secondo cui bisogna affrontare il più rapidamente possibile la situazione nella regione.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR