Coronavirus: CF, giro di vite su mascherina e assembramenti

Simonetta Sommaruga e Alain Berset giovedì scorso KEYSTONE/MARCEL BIERI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 ottobre 2020 - 14:17
(Keystone-ATS)

Di fronte al rapido incremento di casi di Covid-19, la Confederazione rafforza le misure di contenimento. Da domani sarà obbligatorio indossare la mascherina dai 12 anni in tutti luoghi chiusi accessibili al pubblico.

Saranno inoltre vietati gli assembramenti di più di 15 persone nello spazio pubblico e in bar e ristoranti si potrà consumare solo stando seduti. Le disposizioni sono state comunicate oggi dal Consiglio federale al termine di una riunione urgente e previa consultazione con i Cantoni.

Studi mostrano che il rischio di trasmissione del virus può essere ridotto indossando sistematicamente la mascherina, soprattutto nei luoghi in cui non può essere mantenuta la distanza necessaria, sottolinea l'Esecutivo.

Bisognerà pertanto indossarla, oltre che sui mezzi pubblici, anche nelle stazioni, alle fermate dei tram e dei bus, negli aeroporti, nei negozi, nei musei, nei ristoranti, nelle chiese, negli uffici dell'amministrazione, nei cinema e nei teatri, così come negli spogliatoi degli impianti sportivi.

Negli asili nido e nelle scuole l'obbligo di indossarla vige soltanto se è previsto dai piani di protezione delle strutture interessate. Le autorità raccomandano inoltre la mascherina negli uffici e nei luoghi di lavoro non accessibili al pubblico se non può essere mantenuta la distanza necessaria.

Per le manifestazioni private cui partecipano da 16 a 100 persone, come finora l'organizzatore non è tenuto a elaborare un piano di protezione. Vige però l'obbligo della mascherina. Inoltre la consumazione deve avvenire stando seduti e devono essere registrati i dati di contatto dei partecipanti. Questa regola si applica ai locali privati non accessibili pubblicamente.

Le manifestazioni private con più di 100 persone possono avere luogo soltanto in strutture accessibili al pubblico che dispongono di un piano di protezione

Il Governo raccomanda infine il telelavoro e ricorda che in virtù della legge sulle epidemie, la violazione dell'obbligo della mascherina è punibile con una multa fino a 10 000 franchi. Anche chi contravviene a quest'obbligo per negligenza è punibile con una multa fino a 5000 franchi.

Condividi questo articolo