Navigation

CSt: parità salariale uomo-donna, tutto rinviato

Il dibattito agli Stati sulla parità è stato seguito anche da diverse consigliere nazionali. Keystone/ALESSANDRO DELLA VALLE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 febbraio 2018 - 12:14
(Keystone-ATS)

Il Consiglio degli Stati ha deciso di rinviare in commissione la revisione della Legge federale sulla parità dei sessi, reputando il progetto governativo troppo burocratico.

Stando al progetto del Consiglio federale, i datori di lavoro con più di 50 dipendenti dovrebbero effettuare ogni quattro anni un'analisi dei salari facendola verificare da servizi di controllo esterni. La commissione preparatoria si è detta a favore di questa misura, limitando però quest'obbligo alle imprese con oltre 100 dipendenti.

Anche se annacquato rispetto al disegno dell'esecutivo, come denunciato più volte da sinistra, nemmeno i cambiamenti apportati dalla commissione al disegno governativo sono riusciti a raccogliere dietro di sé una maggioranza.

Dopo essere entrata in materia, la Camera ha accolto la richiesta di Konrad Graber (PPD/LU) di rinvio (25 voti a 19 a un astenuto) del progetto alla commissione competente. Benché contrario alle discriminazioni salariali tra uomini e donne, Graber ha sostenuto che un'autodichiarazione da parte delle aziende riguardante il rispetto della parità salariale sia un mezzo più efficace per raggiungere gli obiettivi che si propone il governo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.