Prospettive svizzere in 10 lingue

I cittadini svizzeri non saranno evacuati dal Sudan

Il fumo si alza sulla città durante i combattimenti in corso in Sudan
I combattimenti in Sudan si sono intensificati a metà aprile. Oltre 100 cittadini svizzeri si trovano attualmente nel Paese. Keystone / Stringer

Attualmente non è prevista l'evacuazione di cittadini svizzeri dal Sudan a causa delle difficoltà operative e delle richieste limitate.

Bavaud, responsabile della gestione delle crisi presso il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), ha dichiarato che la mancanza di garanzie di sicurezza da parte delle parti coinvolte nel conflitto non consente una partenza sicura e organizzata. Ha poi spiegato le ulteriori difficoltà delle evacuazioni, che sarebbero possibili solo con aerei da trasporto militari.

Inoltre, il governo svizzero non crede che tutti i cittadini svizzeri in Sudan vogliano lasciare il Paese. Finora solo una dozzina ha espresso interesse a partire, ha detto Bavaud.

Dalla metà di aprile, il Sudan ha registrato un forte aumento della violenza, che ha indotto il governo svizzero a prendere in considerazione un’evacuazione d’emergenza per i cittadini svizzeri che vivono e viaggiano nel Paese.

Secondo Bavaud, l’Ambasciata svizzera a Khartoum è gravemente colpita dalle violenze e anche la residenza privata dell’ambasciatore svizzero è stata colpita dai combattimenti.

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR