Navigation

Una coalizione parlamentare vuole un memoriale dell'Olocausto in Svizzera

Il consigliere nazionale Alfred Heer (a sinistra) e il consigliere di Stato Daniel Jositsch portano in parlamento la richiesta dell'Organizzazione degli svizzeri all'estero. Keystone / Anthony Anex

Circa 1000 cittadini svizzeri sono stati internati nei campi di concentramento e di sterminio nazisti e 450 di loro non hanno fatto ritorno. L'Organizzazione degli svizzeri all'estero chiede da anni un memoriale. Il parlamento ha ora sposato la causa.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 marzo 2021 - 15:15

La mozioneLink esterno è stata adottata da entrambe le camere del parlamento federale. Il senatore Daniel Jositsch (Partito socialista/Zurigo) l’ha presentata lunedì. Il suo collega Alfred Heer (Unione democratica di centro/Zurigo) lo ha seguito il giorno dopo al Consiglio nazionale, la camera del popolo. La mozione chiede al Consiglio federale (governo) "di creare un memoriale ufficiale per le vittime del nazionalsocialismo".

"Anche le generazioni future devono sapere cosa è successo per vedere quanto sono fragili la democrazia e lo stato di diritto e a cosa possono portare il razzismo e la discriminazione", sottolinea il testo. La mozione è stata sottoscritta da più di un terzo di tutti i deputati, tra cui 106 consiglieri nazionali, tutti i presidenti dei gruppi parlamentari e tutti i presidenti dei partiti.

Remo Gysin, presidente dell'Organizzazione degli svizzeri all'estero. Keystone

Si tratta di una tappa importante per questa causa, che è stata lanciata al Congresso degli svizzeri all'estero (OSE) a Visp, nel 2018. In quell'occasione, l'Organizzazione degli Svizzeri all'estero ha deciso di mettere in agenda la creazione di un memoriale ufficiale per le vittime svizzere del regime genocida nazista.

Il presidente dell'OSE Remo Gysin è ora "soddisfatto del gesto di entrambe le camere del parlamento". A Remo Gysin si deve la paternità dell’idea. "Il gran numero di cofirmatari della mozione mostra quanto sia ampio ormai il sostegno alla creazione di un memoriale in Svizzera per le vittime del nazismo", afferma Gysin.

Secondo il testo della mozione, l'idea del comitato promotore "Memoriale svizzero delle vittime del nazionalsocialismo" sarà "presentata al Consiglio federale e al pubblico nelle prossime settimane". Il progetto prevede "un luogo della memoria nello spazio pubblico patrocinato dalla Svizzera ufficiale, che includa anche un'offerta educativa e informativa".

Secondo la radio pubblica SRF, ci sono attualmente 54 memoriali dell'Olocausto in Svizzera, tra cui un memoriale a Riehen (Basilea) e un memoriale al cimitero ebraico di Berna.  Ma questi luoghi istituiti dalle comunità ebraiche in Svizzera difficilmente raggiungono il grande pubblico, secondo il settimanale "Tachles".

Ciò che manca alla Svizzera, a differenza di molti altri paesi, è un sito commemorativo ufficiale sostenuto dalle autorità federali.

Il memoriale delle vittime dei campi di concentramento che vivevano a Zurigo. Le cosiddette "Stolpersteine" (pietre d'inciampo) sono il più recente dei memoriali svizzeri non ufficiali. Keystone / Ennio Leanza

Secondo il progetto, il sito dovrebbe rendere omaggio a tutte le vittime del nazismo: gli ebrei perseguitati, privati dei diritti e uccisi, compresi quelli di nazionalità svizzera, altre minoranze perseguitate, gli oppositori del regime di Hitler, così come i rifugiati respinti alla frontiera svizzera. Il memoriale vuole anche ricordare coloro che hanno offerto aiuto ai perseguitati in Svizzera. Il progetto estende dunque l'idea originale dell’OSE.

Il progetto parlamentare beneficia anche di una cerchia più ampia di sostenitori: più di 100 personalità e organizzazioni della società, della politica e degli affari sostengono la causa. Tra questi, vi sono la Federazione svizzera delle comunità israelite, l'Archivio di storia contemporanea del Politecnico federale di Zurigo (ETH), la Chiesa riformata (protestante), Amnesty International e numerose personalità del mondo della cultura, della storia e della politica.

Non è la prima volta che l'idea di un memoriale viene presentata in parlamento. Già nel 2018, il Consiglio federale è stato chiamato in causa tramite un'interpellanza parlamentare su richiesta dell'Organizzazione degli svizzeri all'estero. La risposta del governoLink esterno all’epoca non aveva avuto seguito: "Gli organi competenti dell'amministrazione federale sono aperti alla proposta".

La mozione che è stata presentata ora rende chiaramente responsabile il Consiglio federale. Secondo gli iniziatori, il governo deciderà l'ubicazione insieme ai Cantoni. Remo Gysin, presidente dell'OSE, ritiene che l'ufficialità del memoriale renda Berna un luogo possibile.

Articoli menzionati

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.