Fermata deputata che avrebbe favorito entrate illegali in Svizzera

La parlamentare ticinese e fondatrice dell'organizzazione di aiuto ai migranti "Firdaus", Lisa Bosia Mirra, è stata fermata stamani a Stabio, al confine svizzero con l'Italia: è sospettata di avere aiutato dei migranti minorenni ad entrare illegalmente in Svizzera. Assieme a lei è stato fermato uno svizzero domiciliato nel cantone di Berna.

swissinfo.ch e tvsvizzera.it (TG RSI delle ore 12:30 dell'1.09.16)

Secondo quanto reso noto dal Ministero pubblico ticinese, la deputata socialista fungeva da staffetta al volante di un'auto con targhe ticinesi, mentre l'uomo guidava un furgone, con a bordo quattro migranti africani minorenni. I due mezzi sono stati intercettati e bloccati dalle guardie di confine al valico di San Pietro di Stabio, poco prima delle 9:00.

L'ipotesi di reato nei confronti dei due è di favoreggiamento all'entrata illegale. L'inchiesta dovrà fare chiarezza su quanto scoperto e sui ruoli avuti dai due presunti passatori.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo