Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Grande manifestazione tamil a Ginevra

Almeno 14'000 tamil si sono radunati venerdì sulla Piazza delle Nazioni a Ginevra per protestare contro la situazione nello Sri Lanka settentrionale. Provenienti da vari paesi in torpedone, treno e aereo, i dimostranti hanno denunciato il «genocidio» della minoranza tamil da parte dell'esercito singalese.

Partito dalle vicinanze della stazione FFS, il corteo -snodatosi in modo «estremamente disciplinato» secondo la polizia ginevrina - si è diretto nel primo pomeriggio sulla piazza antistante la sede europea delle Nazioni Unite, preceduto da un furgoncino trasformato in veicolo funerario sul quale era issato il ritratto del giovane residente in Gran Bretagna, datosi fuoco la scorsa settimana a Ginevra.

Inalberando cartelli in varie lingue contro il «massacro» dei tamil, i dimostranti hanno invitato le autorità internazionali ad intervenire «a favore dei loro fratelli e sorelle» delle Tigri di liberazione dell'Eelam Tamil (Ltte), le cui rivendicazioni di autonomia «costituiscono l'unica soluzione al conflitto».

Nel nord dello Sri Lanka circa 250mila civili sono attualmente intrappolati nella zona di conflitto fra esercito singalese e i ribelli tamil. A inizio mese, il Dipartimento federale degli affari esteri ha invitato le parti in conflitto a porre fine al conflitto e a rispettare il diritto internazionale umanitario.


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×