Prospettive svizzere in 10 lingue

Il Governo svizzero si rifiuta di confiscare i beni russi

serbatoio a forrest
Il rifiuto della Svizzera di consentire la riesportazione di carri armati e munizioni in Ucraina ha suscitato ripetute critiche. Keystone / Oleg Petrasyuk

Il Governo svizzero afferma che la confisca di beni privati russi minerebbe la Costituzione svizzera e l'ordinamento giuridico vigente.

Citando un rapporto di un gruppo di esperti, il governo ha affermato che l’espropriazione di beni privati di origine lecita senza indennizzo non è consentita dalla legge svizzera.

La Svizzera ha congelato beni finanziari per un valore di 7,5 miliardi di franchi svizzeri (8,1 miliardi di dollari) nell’ambito delle sanzioni contro i russi per punire Mosca per l’invasione dell’Ucraina, ha dichiarato a dicembre la Segreteria di Stato per gli Affari economici.

“Il sostegno all’Ucraina continuerà, indipendentemente dalle discussioni sui beni congelati”, ha dichiarato mercoledì il governo.

Il governo ha esaminato la possibilità di utilizzare i beni in seguito a discussioni internazionali e a richieste parlamentari sulla possibilità di utilizzare il denaro per finanziare risarcimenti all’Ucraina.

“La confisca di beni privati congelati è incompatibile con la Costituzione svizzera e con l’ordinamento giuridico vigente e viola gli impegni internazionali della Svizzera”, si legge nel rapporto.

“Altri Paesi hanno diritti e garanzie costituzionali simili”.

+ La Svizzera elabora una definizione politicamente conveniente di “neutralità”.

Sanzioni UE

Anche le banche svizzere si erano opposte alla confisca. L’Associazione svizzera dei banchieri ha dichiarato il mese scorso: “Non c’è alcuna base legale per la confisca oggi”.

La Svizzera, che non è membro dell’Unione Europea, ha già adottato ulteriori sanzioni contro la Russia per il conflitto in Ucraina, tra cui il tetto dell’UE al prezzo del petrolio.

Alla fine di gennaio, la Svizzera ha adottato anche l’ultimo pacchetto dell’UE, sanzionando altre 200 persone e annunciando nuove restrizioni, come il divieto di esportazione per l’industria aerospaziale per coprire i motori di aerei e droni.

Tuttavia, il rifiuto del governo svizzero di inviare all’Ucraina munizioni per i carri armati tedeschi Gepard o di consentire la riesportazione di carri armati svizzeri da Paesi terzi all’Ucraina ha suscitato ripetute critiche.

Altri sviluppi
TITOLARE

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR