Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Imprenditori UDC contro la libera circolazione

Respingere l'estensione dell'accordo di libera circolazione delle persone a Romania e Bulgaria significa favorire l'economia svizzera. Ne è convinto un comitato guidato dall'ex consigliere federale Christoph Blocher che invita a votare "no" il prossimo 8 febbraio.

A una settimana dal lancio della campagna UDC contro la libera circolazione delle persone, lunedì è sceso in campo anche un sotto comitato democentrista composto da imprenditori e rappresentanti delle arti e mestieri.

Questo accordo è un «prodotto dell'alta congiuntura», ha dichiarato Christoph Blocher davanti alla stampa. «La sua estensione a Romania e Bulgaria provocherebbe un aumento della disoccupazione e un'impennata dei costi a carico dell'Assicurazione invalidità e delle istituzioni sociali».

Unione democratica di centro (UDC)

Malgrado il nome, l'Unione democratica di centro si situa a destra nel paesaggio politico elvetico. Nata nel 1971 dalla fusione di altri due ...

L'ex consigliere federale UDC ha inoltre criticato la scelta del Parlamento di riunire in un solo pacchetto la riconduzione e l'estensione della libera circolazione. Chiudere le frontiere ai cittadini di Romania e Bulgaria non metterà in pericolo gli accordi bilaterali, ha assicurato l'ex ministro di giustizia e polizia. «La clausola ghigliottina è una storiella, una minaccia senza senso», ha aggiunto.

Sul tema della libera circolazione i democentristi sono tuttavia spaccati: il consigliere nazionale turgoviese, nonché imprenditore, Peter Spuhler ha infatti fondato un comitato di parlamentari UDC che invitano a votare sì, soprattutto per ragioni economiche. Dello stesso avviso anche gli altri quatto partiti di Governo, il Partito socialista, il Partito popolare democratico, il Partito liberale radicale e il Partito borghese democratico.


Link

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×