Navigation

Bin Laden: si moltiplicano critiche Islam per sepoltura mare

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 maggio 2011 - 16:13
(Keystone-ATS)

Non accennano a placarsi le reazioni del mondo islamico, per la sepoltura in mare di Osama Bin Laden.

Spiega I.A. Rehman della Human Rights Commission del Pakistan: "Il fatto che non fosse armato è una questione relativa. Maggiore attenzione sarà concentrata sul modo in cui è stato sepolto. Ci sono state reazioni da parte di religiosi musulmani che hanno sottolineato come non fosse stato fatto nel modo corretto".

Lo sceicco saudita Abdul Mohsen Al-Obaikan, consigliere della Corte reale saudita è stato anche più diretto: "Questo non è il modo islamico. Il modo islamico è di seppellire le persone sulla terra ferma, se queste sono morte sulla terra ferma".

E ancora, Amidhan, membro del Consiglio degli Ulema dell'Indonesia, l'autorità islamica nel più popoloso paese musulmano afferma: "La sepoltura nell'oceano richiede una situazione straordinaria. Ce n'era una? Se gli Stati Uniti non possono dare spiegazioni, allora sembra quasi come se si fossero liberati di un animale e questo significa che non c'è rispetto per l'uomo...Quello che hanno fatto può aumentare il risentimento tra i sostenitori di Osama".

Intanto Son Had, portavoce per Jemaah Ansharut Tauhid, il gruppo islamico fondato dall'indonesiano Abu Bakar Bashir, evidenzia come sia chiaro che Osama Bin Laden sia già diventato un martire.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?