Navigation

Brasile: indios invadono fattorie

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 aprile 2012 - 13:28
(Keystone-ATS)

Tensione altissima a Bahia tra indios e proprietari terrieri: oltre 60 fattorie nel sud dello Stato sono state occupate con la forza da circa 250 appartenenti alla tribù Pataxò Ha Ha Hae e la polizia ha già bloccato l'accesso al municipio di Pau Brasil, dove si sono registrati i confronti più intensi.

L'obiettivo degli indios - sostiene la Fondazione nazionale che li protegge (Funai) - è quello di riconquistare 54 mila ettari tra le città di Pau Brasil, Camacan e Itaju do Colonia. Secondo il responsabile del Funai a Pau Brasil, Wilson Jesus de Souza, gli indigeni non intendono però riappropriarsi delle terre, ma annullare i titoli che garantiscono l'occupazione da parte dei proprietari terrieri della regione.

Studi del Funai rivelano che le terre rivendicate dagli indios originariamente erano riserve della tribù Pataxò e vennero cedute in usufrutto dall'antico Servizio di protezione all'indio tra il 1937 e 1942. Con il passare degli anni, chi le aveva ottenute in usufrutto riuscì ad avere anche titoli ufficiali di possesso e tutte le fattorie dell'area della riserva vennero occupate da proprietari terrieri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?