Navigation

Cina: esplosioni e crolli in miniere

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 dicembre 2010 - 08:35
(Keystone-ATS)

SHANGHAI - Ventisei persone sono morte in seguito ad una esplosione avvenuta in una miniera di carbone nella provincia dell'Henan, nella Cina centrale. Altri quattro minatori sono morti per il crollo di un tunnel nel nord-est del Paese. Lo riferisce l'Agenzia Nuova Cina.
Un incidente è avvenuto ieri intorno alle 19:40 ora locale in una miniera nella contea di Mianchi, a circa 300 chilometri da Zhengzhou, la capitale della provincia dell'Henan. Secondo l'Agenzia Nuova Cina, al momento dell'incidente nella miniera stavano lavorando 46 operai. Venti sono riusciti a mettersi in salvo. Conosciuta in passato con il nome di "Suzhuang", la miniera era passata di recente sotto la proprietà del gruppo statale Yi Ma ed era in fase di ristrutturazione. La miniera, che produce 150.000 tonnellate all'anno di carbone, sembra non fosse stata autorizzata a operare durante questo periodo di ristrutturazione.
Altri quattro minatori sono morti a causa del crollo di un tunnel in una miniera di carbone nella provincia del Liaoning, nel nord est della Cina. Secondo quanto fatto sapere dal dipartimento per la sicurezza del lavoro della provincia, l'incidente è avvenuto ieri pomeriggio intorno alle 16 ora locale. Sette gli operai in quel momento al lavoro, tre dei quali sono riusciti a fuggire e a sottrarsi al crollo. Anche questa miniera, di proprietà statale, che produce circa 600.000 tonnellate all'anno di carbone, era in fase di ristrutturazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?