Navigation

Credit Suisse: ritocco previsioni Pil 2010

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 dicembre 2010 - 12:17
(Keystone-ATS)

ZURIGO - Con l'avvicinarsi della fine dell'anno, le previsioni sull'evoluzione dell'economia elvetica nel 2010 diventano più ottimiste. Il Credit Suisse ha ritoccato oggi verso l'alto i pronostici sulla crescita del prodotto interno lordo (Pil): ora gli esperti della banca puntano su un tasso di espansione del 2,8%, contro il 2,4% indicato in settembre. Per l'anno prossimo invece le attese rimangono invariate al +1,2%.
La revisione è dovuta soprattutto al robusto andamento registrato dal Pil nel terzo trimestre, ha osservato Karsten Linowsky, specialista del Credit Suisse. Inoltre le prospettive per gli ultimi tre mesi dell'anno sono migliorate; in particolare l'indice dei responsabili degli acquisti è risultato superiore alle attese, ha spiegato l'esperto.
Dopo il contraccolpo del 2009, le esportazioni hanno registrato una netta ripresa: per quest'anno è previsto un tasso di crescita del 7,7%. L'economia svizzera è sostenuta anche dalla domanda di consumo, che dovrebbe salire dell'1,7% nel 2010, dopo il +1% del 2009.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?