Navigation

L'Onu è stata hackerata, 42 server compromessi

L'Onu finisce nel mirino degli hacker. KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 gennaio 2020 - 20:27
(Keystone-ATS)

L'Onu finisce nel mirino degli hacker. Un rapporto interno datato 20 settembre 2019, ottenuto da The New Humanitarian, rivela che 42 server sono stati compromessi e 25 classificati come sospetti.

Il fatto è avvenuto nel luglio scorso, ma è stato scoperto solo un mese dopo, e alcuni dei sistemi interessati si trovano presso gli uffici per i diritti umani e il dipartimento delle risorse umane delle Nazioni Unite a Ginevra e Vienna.

Il cyberattacco avrebbe l'impronta digitale tipica di un attore Advanced Persistent Threat (Apt), comunemente associati alle interferenze commissionate da uno Stato (ma non ci sono informazioni su possibili sospetti) oppure a campagne di cyberspionaggio. Pare tuttavia non siano stati rubati dati sensibili, ma solo liste di dipendenti con gli indirizzi email.

Il portavoce dell'Onu ha spiegato a The New Humanitarian che "poiché non è stato possibile determinare la natura e la portata esatte dell'incidente" è stato deciso dagli uffici delle Nazioni Unite interessati "di non divulgare pubblicamente la violazione".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.