Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Tredici esperti del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA) sono pronti a prestare soccorso alle vittime del tifone Haiyan, che ha seminato il caos nelle Filippine. Organizzazioni umanitarie elvetiche sono a loro volta pronte ad attivarsi sul posto. Migros ha deciso di donare un milione di franchi per i soccorsi urgenti alle vittime e l'Aiuto delle chiese evangeliche della Svizzera (ACES) impiegherà 500'000 franchi sulle isole Visayas.

Cinque esperti del CSA hanno lasciato la Svizzera sabato, cinque ieri sera e tre erano già presenti sul luogo, indica il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

Questi esperti cercano di raccogliere informazioni sui bisogni nella regione colpita, ha dichiarato alla radio e televisione romanda RTS il delegato della Confederazione all'aiuto umanitario Manuel Bessler.

Secondo lui, la Confederazione porterà il numero degli esperti sul posto a una ventina entro mercoledì. Non saranno mandati nella regione del Tacloban, la più devastata dal tifone. L'aiuto svizzero si concentrerà soprattutto in altre regioni, ha precisato Bessler.

La Svizzera effettuerà, tra le altre cose, una prima consegna di dieci tonnellate di materiale compresi farmaci e strumenti medici per 10'000 persone, così come prodotti per purificare l'acqua.

"La Confederazione esprime il suo sostegno e la sua solidarietà alle Filippine, duramente danneggiate dal tifone Hayian", ha dichiarato Didier Burkhalter durante una conferenza di Dialogo Asia-Europa (ASEM, Asia-Europe Meeting) a New Delhi.

Burkhalter ha anche annunciato che la Svizzera parteciperà attivamente, a fianco delle Filippine, alla conferenza dell'ASEM sulla riduzione dei rischi legati alle catastrofi naturali e sui cambiamenti climatici che si terrà nel 2014 a Manila.

L'ambasciata svizzera a Manila non sa per ora se ci sono anche degli elvetici coinvolti nella catastrofe. La helpline del DFAE è già stata contattata 30 volte.

Il denaro versato dalla Migros servirà per sostenere le attività della Catena della Solidarietà e delle sue 25 organizzazioni partner. Queste organizzazioni stanno esaminando la situazione nelle Filippine e appena possibile porteranno aiuti urgenti nei luoghi in cui vi è maggior bisogno, indica oggi Migros in un comunicato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS