Navigation

Tunisia: polizia disperde con la forza manifestanti a Tunisi

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 maggio 2011 - 15:46
(Keystone-ATS)

La polizia ha disperso, intervenendo duramente, anche con lancio di lacrimogeni, una manifestazione anti-governativa ad avenue Bourghiba, la strada principale della capitale. I manifestanti, alcune centinaia secondo l'Afp, gridavano slogan contro il governo provvisorio, chiedendone le dimissioni, e auspicando per il Paese "una nuova rivoluzione". Gli agenti sono intervenuti quando i manifestanti hanno cercato di raggiungere la sede del Ministero dell'Interno, ancora oggi - dai giorni della "rivoluzione" - circondato da filo spinato e sorvegliato da autoblindo.

Gli agenti, molti dei quali indossavano dei passamontagna, hanno caricato i manifestanti, la maggior parte dei quali giovani, creando scompiglio tra i passanti (avenue Bourghiba è il "salotto buono" della città) che hanno cercato riparo in negozi e grandi magazzini, peraltro tutti dotati di protezioni di metallo, installate da quando la strada è diventata il punto preferito per tutte le manifestazioni. Per disperdere la protesta sono state utilizzate delle unità cinofile, oltre che agenti che hanno percorso la strada a bordo di motociclette. L'Afp ha riferito che un suo fotografo è stato aggredito dalla polizia, che si è impossessata di due apparecchi fotografici e di un pc portatile.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?