Navigation

Vignetta autostradale a 70 franchi

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 maggio 2012 - 17:13
(Keystone-ATS)

Il prezzo del contrassegno autostradale dovrebbe salire a 70 franchi all'anno, contro i 40 attualmente. Diviso tra la richiesta del Consiglio federale di portarlo a 100 franchi e quella dell'UDC contraria a qualsiasi aumento, il Consiglio nazionale ha optato nel pomeriggio per questo compromesso, con 112 voti contro 62.

La richiesta di 70 franchi è sufficiente per coprire i costi supplementari dovuti alla ripresa di 376 chilometri di strade nella rete autostradale, ha detto Antonio Hodgers (Verdi/GE). Chiedere 100 franchi, come proposto dal Consiglio federale, servirebbe a finanziare la costruzione di nuove tratte, ciò che la sinistra e i verdi liberali non vogliono.

I 275 milioni che frutterebbe la "vignetta" di 100 franchi sono necessari per garantire la manutenzione delle strade e l'adattamento delle nuove tratte alle nuove norme federali, ha replicato Martin Candinas (PPD/GR). Egli ha sottolineato che l'alternativa è costituita da un aumento della soprattassa sugli oli minerali.

Il contributo sarebbe di 1 centesimo per chilometro per gli automobilisti che ne percorrono 10'000 all'anno. Ciò è accettabile per finanziare i grandi progetti stradali, ha rincarato Olivier Français (PLR/VD)

Nessuno vuole pagare, ma tutti chiedono la soppressione delle strettoie, misure di protezione contro il rumore o nuove gallerie, ha dal canto suo affermato Doris Leuthard. "Cento franchi è un prezzo a buon mercato: un solo viaggio su un'autostrada francese per andare in vacanza basta a spendere questa somma".

Un aumento del 150% è assolutamente sproporzionato, ha replicato Marcel Wobmann (UDC/SO), difendendo lo statu quo. A suo modo di vedere, i trasporti privati già coprono più della totalità dei costi e le tasse versate dagli automobilisti sono più che sufficienti.

La sua proposta è stata respinta con 129 voti contro 45. Wobmann ha così cercato di conservare il contrassegno a 40 franchi per i motociclisti, di cui presiede l'associazione svizzera. I centauri inquinano di meno e usano raramente l'autostrada, ha spiegato. Tuttavia, anche questa sua proposta è stata bocciata con 115 voti contro 58.

Contrassegno giornaliero

Una minoranza si è battuta per un contrassegno giornaliero di 10 franchi. Ciò permetterebbe di non frenare il turismo transfrontaliero, ha dichiarato Lorenzo Quadri (Lega/TI). Ma il Nazionale non ha voluto saperne: la proposta è stata respinta con 148 voti a 22.

L'aumento da 40 a 70 franchi è "brutale", ha sostenuto Franziska Teuscher (Verdi/BE). Per evitare in futuro un simile rincaro, la sinistra ha chiesto un adattamento della tariffa al rincaro ogni cinque anni. Per motivi amministrativi, sarebbe meglio aspettare il contrassegno elettronico, ha sostenuto la ministra dei trasporti Doris Leuthard. La maggioranza l'ha seguita con 114 voti a 58.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?