Navigation

Yemen: opposizione, Saleh sarà cacciato se non firma

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 maggio 2011 - 11:33
(Keystone-ATS)

Sempre più aspro il braccio di ferro tra presidenza e opposizione nello Yemen: gli oppositori hanno minacciato di cacciare dal potere Ali Abdallah Saleh se non firmerà, come previsto, l'accordo sulla transizione pacifica proposta dalle monarchie del Golfo.

"La rivolta si intensificherà e Saleh finirà per essere cacciato dal potere" ha detto il portavoce del Forum comune - opposizione parlamentare - Mohamed Qahtan, secondo il quale il presidente lascerà il potere "umiliato" sotto la pressione delle proteste. Ieri l'opposizione aveva firmato l'accordo di transizione alla presenza di un emissario delle monarchie del Golfo, nel quale si prevede che Saleh abbandoni il potere pacificamente lasciando l'incarico di formare un governo di transizione all'opposizione. Entro due mesi si dovrebbero tenere elezioni generali. Stamani tuttavia Saleh ha posto ulteriori ostacoli, dilazionando la firma.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.