Prospettive svizzere in 10 lingue

La Germania chiede alla Svizzera di autorizzare la vendita di vecchi carri armati Leopard

serbatoi
L'esercito svizzero ha attualmente 134 carri armati Leopard 2 in servizio e altri 96 in deposito. Keystone / Filip Singer

La Germania ha chiesto alla Svizzera di vendere alcuni dei suoi carri armati Leopard 2 dismessi in un accordo che andrebbe a rimpinguare gli arsenali dei Paesi che inviano carri armati in Ucraina.

La richiesta, che è stata inviata dal Ministro della Difesa tedesco e dal Ministro dell’Economia al Ministro della Difesa svizzero Viola Amherd, è stata riportata per la prima volta dal quotidiano svizzero Blick Collegamento esternovenerdì scorso. La richiesta è stata formulata in una lettera datata 23 febbraio, secondo il giornale.

+ Come la Svizzera sta gestendo le richieste di riesportazione di munizioni

La Germania vuole che la Svizzera rivenda alcuni dei vecchi carri armati al produttore tedesco Rheinmetall, il che consentirebbe all’azienda di sostituire i carri armati che i membri dell’Unione Europea e della NATO hanno fornito all’Ucraina.

Amherd ha risposto in una lettera del 1° marzo che un’eventuale vendita di parte della flotta di carri armati svizzera richiederebbe che il Parlamento svizzero dichiari i carri armati fuori servizio, secondo un commento del ministero della Difesa svizzero inviato a Reuters.

“Le discussioni su questo tema sono attualmente in corso in parlamento”, ha aggiunto il portavoce del ministero della Difesa. Non sono state fornite informazioni su quando il Parlamento prenderà una decisione, ma il governo ha detto che avrebbe commentato ulteriormente la questione lunedì.

L’esercito svizzero ha attualmente 134 carri armati Leopard 2 in servizio e altri 96 in deposito.

In base alle leggi sulla neutralità e a un separato embargo sulle armi, alla Svizzera è vietato inviare armi direttamente all’Ucraina. In passato, Berna ha bloccato le richieste di Germania, Spagna e Danimarca di consentire la riesportazione in Ucraina di munizioni ed equipaggiamenti militari di fabbricazione svizzera da loro precedentemente acquistati.

Tuttavia, l’opinione pubblica e i politici svizzeri sono sempre più divisi sulla questione, mentre crescono gli appelli dei vicini europei affinché la Svizzera consenta le esportazioni e la Russia intensifica l’assalto all’Ucraina.

I due comitati per la sicurezza del Parlamento svizzero hanno raccomandato un alleggerimento delle norme sulle esportazioni.

Articoli più popolari

I più discussi

Attualità

Altri sviluppi

Manifestazioni in diverse città per lo sciopero delle donne

Questo contenuto è stato pubblicato al In tutta la Svizzera le donne sono scese oggi in piazza: in diverse città le associazioni femministe hanno chiamato a manifestare per affermare i propri diritti. Gli eventi in programma per lo sciopero erano numerosi.

Di più Manifestazioni in diverse città per lo sciopero delle donne
aerei

Altri sviluppi

Aerei militari atterrano sull’autostrada

Questo contenuto è stato pubblicato al Quattro caccia F/A-18 si sono posati sull'asfalto dell'A1 a Payerne (Canton Vaud) nell'ambito di un'esercitazione militare che non veniva più effettuata dai tempi della Guerra Fredda.

Di più Aerei militari atterrano sull’autostrada

Altri sviluppi

CSt: ok a programma nazionale contro antisemitismo

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera deve essere liberata dalla piaga del razzismo e dell'antisemitismo, che trascende le frontiere sociali e partitiche, lanciando un piano d'azione nazionale contro questi fenomeni.

Di più CSt: ok a programma nazionale contro antisemitismo

Altri sviluppi

CSt: quasi un miliardo per la cultura

Questo contenuto è stato pubblicato al Per il periodo 2025-2028, il settore della cultura dovrebbe beneficiare di un budget di quasi 990 milioni di franchi.

Di più CSt: quasi un miliardo per la cultura

Altri sviluppi

GE: ex consigliera di Stato usò risorse pubbliche per sua campagna

Questo contenuto è stato pubblicato al A Ginevra l'ex consigliera di Stato ecologista Fabienne Fischer ha utilizzato risorse pubbliche per la sua campagna elettorale del 2023: è la conclusione cui è giunta la Commissione di controllo e di gestione del Gran Consiglio resa pubblica oggi.

Di più GE: ex consigliera di Stato usò risorse pubbliche per sua campagna

Altri sviluppi

Borsa svizzera: apre in ribasso

Questo contenuto è stato pubblicato al La borsa svizzera apre in ribasso la seconda seduta della settimana: poco dopo le 09.20 l'indice dei valori guida SMI segnava 11'997,45 punti, in flessione dello 0,08% rispetto a ieri.

Di più Borsa svizzera: apre in ribasso

Altri sviluppi

Trump verso il giorno del giudizio, De Niro lo attacca

Questo contenuto è stato pubblicato al Si avvicina il giorno del giudizio per Donald Trump nel caso pornostar: dopo oltre un mese di processo, mercoledì il giudice darà le istruzioni alla giuria prima che si ritiri in camera di consiglio. Una decisione è attesa entro fine settimana.

Di più Trump verso il giorno del giudizio, De Niro lo attacca

Altri sviluppi

Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Papa si scusa sull'epiteto-shock riguardante i seminaristi gay, trapelato a distanza di una settimana dall'incontro a porte chiuse con i vescovi italiani in cui sarebbe stato pronunciato, e che ieri in un baleno ha fatto il giro del mondo.

Di più Il Papa si scusa su seminaristi gay, non volevo offendere

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR