Prospettive svizzere in 10 lingue

Le esportazioni di materiale bellico della Svizzera raggiungono un livello record

armi
Tra i maggiori produttori di armi svizzeri figurano Ruag e Sig Sauer. © Keystone / Christian Beutler

Nel 2022 le aziende svizzere hanno esportato carri armati, armi e altro materiale bellico per un valore di 955 milioni di franchi svizzeri (1,02 miliardi di dollari) in 60 Paesi. Si tratta di un aumento di quasi un terzo rispetto all'anno precedente e del livello più alto mai registrato.

Il valore totale delle esportazioni di materiale bellico nel 2022 ha superato del 6% il precedente record stabilito nel 2020 (901,2 milioni di franchi), ha riferito martedì la Segreteria di Stato per gli Affari Economici. Le esportazioni di materiale bellico rappresentano lo 0,25% delle esportazioni totali della Svizzera, rispetto allo 0,21% del 2021.

+ Il controverso e lucroso business delle armi svizzere

L’aumento maggiore della domanda proviene dall’Asia. Circa il 35,1% delle esportazioni di materiale bellico è stato destinato all’Asia nel 2022, rispetto al 10,9% del 2021. La quota dell’Europa è scesa dal 65% al 50,4% e quella delle Americhe dal 13,3% al 7,1%.

Il Qatar è stato il principale cliente, acquistando materiale bellico per un valore di 213,4 milioni di franchi svizzeri. Tra questi, un sistema di difesa aerea da 194,3 milioni di franchi svizzeri per la sicurezza degli stadi durante la Coppa del Mondo FIFA dello scorso inverno.

La Danimarca (136,2 milioni di franchi) è stata il secondo acquirente, seguita da Germania (131,7 milioni di franchi), Arabia Saudita (111,1 milioni di franchi) e Stati Uniti (61,5 milioni di franchi).

Soprattutto carri armati e munizioni

Le principali esportazioni sono state quelle di veicoli blindati (26,5%), munizioni e componenti di munizioni (24,8%), armi di qualsiasi calibro (24,8%) e attrezzature per il controllo del fuoco (16,8%). La categoria delle armi di piccolo calibro e i componenti di aerei da combattimento hanno rappresentato il 5% ciascuno.

La transazione più importante è stata quella dei sistemi di difesa aerea al Qatar, seguita dai carri armati alla Danimarca per 130,3 milioni di franchi svizzeri e dalle forniture di pezzi di ricambio per sistemi di difesa aerea all’Arabia Saudita per 65,1 milioni di franchi svizzeri. Carri armati per un valore di 33,3 milioni di franchi sono stati venduti anche al Botswana.

Armi in tempo di guerra

Le leggi sulla neutralità della Svizzera vietano l’esportazione di materiale bellico a Paesi in conflitto. Questo vale anche per la guerra in Ucraina. La Svizzera non consente le esportazioni verso l’Ucraina da quando la Russia ha invaso la Crimea nel 2014. “Questa legge rimane applicabile durante l’attuale aggressione militare della Russia contro l’Ucraina”, scrive il Seco.

Il Parlamento sta attualmente discutendo se allentare le regole che impediscono alle munizioni prodotte di essere riesportate da un altro Paese in Ucraina.


In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR