Prospettive svizzere in 10 lingue

UBS si prepara a tagliare oltre la metà della forza lavoro del Credit Suisse

Facciata del Credit Suisse
Al personale è stato detto di aspettarsi tre serie di tagli quest'anno © Keystone / Peter Klaunzer

UBS sta pianificando di tagliare più della metà dei 45.000 dipendenti del Credit Suisse a partire dal mese prossimo, a seguito dell'acquisizione d'emergenza della banca.

I banchieri, i trader e il personale di supporto della banca d’investimento del Credit Suisse a Londra, New York e in alcune parti dell’Asia dovrebbero subire il peso maggiore dei tagli, con quasi tutte le attività a rischio, come hanno riferito persone a conoscenza della questione all’agenzia di stampa Bloomberg.

Al personale è stato detto di aspettarsi tre cicli di tagli quest’anno, con il primo previsto per la fine di luglio e altri due cicli provvisoriamente pianificati per settembre e ottobre, hanno aggiunto le persone, che hanno chiesto di non essere nominate perché i piani non sono pubblici.

Tre mesi dopo che UBS ha accettato di acquistare il Credit Suisse in un’operazione di salvataggio promossa dal governo, la portata dei tagli ai posti di lavoro comincia a essere chiara. UBS, il cui organico combinato è salito a circa 120.000 unità al momento della chiusura dell’operazione, ha dichiarato di voler risparmiare circa 6 miliardi di dollari (5,4 miliardi di franchi svizzeri) in costi del personale nei prossimi anni.

UBS intende ridurre l’organico complessivo di circa il 30%, ovvero 35.000 persone, hanno dichiarato due persone. Ciò è sostanzialmente in linea con la riduzione complessiva di circa 30.000 unità stimata dagli analisti di Redburn in un rapporto su UBS di questo mese.

Un portavoce di UBS ha rifiutato di commentare le uscite dal lavoro.

Un anno negativo

La riduzione del personale dell’istituto di credito svizzero peggiorerà drasticamente quello che è già stato un anno negativo per i posti di lavoro nel settore finanziario a livello mondiale, dopo che le banche d’investimento di Wall Street, tra cui Morgan Stanley e Goldman Sachs Group Inc. hanno annunciato i propri tagli di migliaia di dipendenti.

I ranghi dirigenziali dell’azienda combinata mostrano già il dominio di UBS. Nel consiglio di amministrazione c’è solo un ex Credit Suisse, Ulrich Körner, che rimane CEO della banca acquisita. Nell’unità chiave di gestione patrimoniale, solo cinque delle oltre due dozzine di dirigenti provengono da Credit Suisse.

Il CEO di UBS Sergio Ermotti ha dichiarato che l’integrazione sta procedendo “molto bene”, in occasione di un evento tenutosi martedì a Zurigo.

UBS ha segnalato fin dall’inizio dell’acquisizione l’intenzione di ridurre drasticamente i numeri della banca d’investimento in perdita del Credit Suisse, che è stata all’origine della perdita di 5,5 miliardi di dollari nello scandalo Archegos Capital Management nel 2021.

Altri sviluppi
Credit Suisse CEO Ulrich Körner

Altri sviluppi

Credit Suisse, cosa è andato storto?

Questo contenuto è stato pubblicato al Una serie di scandali hanno portato Credit Suisse a enormi perdite e a una massiccia ristrutturazione.

Di più Credit Suisse, cosa è andato storto?
DETENTORE DEL POSTO

Sebbene UBS avesse originariamente pianificato di mantenere il 20% dei migliori dealmaker, in particolare quelli che si concentrano su tecnologia, media e telecomunicazioni, molti dei banchieri più performanti hanno già lasciato l’azienda o sono stati sottratti alla concorrenza. Deutsche Bank, Jefferies Financial Group Inc. e Wells Fargo & Co. sono tra i concorrenti che hanno acquisito personale del Credit Suisse negli ultimi mesi.

UBS spera di trattenere la maggior parte dei private banker del Credit Suisse, anche se molti di loro hanno già lasciato l’azienda, hanno dichiarato due persone. Nell’area Asia-Pacifico, UBS sta pianificando di mantenere alcune centinaia di private banker del Credit Suisse, portando il totale a più di 1.200, come hanno riferito all’inizio del mese a Bloomberg persone che hanno familiarità con l’azienda. Alcuni private banker di Singapore si trasferiranno negli uffici di punta di UBS, vicino a un importante quartiere commerciale della città-stato, già il mese prossimo, in uno dei primi segni concreti della fusione.

La banca dovrà inoltre mantenere, almeno nel breve termine, i responsabili della gestione dei prestiti strutturati del Credit Suisse a clienti facoltosi e dei portafogli di derivati azionari, ha dichiarato una delle persone coinvolte.

Problemi di potere di mercato

Per quanto riguarda l’attività nazionale svizzera, UBS prevede di decidere nel terzo trimestre se integrarla completamente con la propria unità svizzera o cercare un’altra opzione, come lo scorporo o la quotazione pubblica. Il destino della banca svizzera è stato molto seguito, in quanto le aziende e i politici svizzeri hanno espresso preoccupazioni per il potere di mercato che la banca combinata eserciterebbe.

Altri sviluppi
COLLABORATORE

Per questo motivo, le prime serie di riduzioni di posti di lavoro probabilmente escluderanno quelle relative alle ampie sovrapposizioni nelle attività svizzere. Complessivamente, in caso di fusione delle due attività nazionali verrebbero eliminati fino a 10.000 posti di lavoro, ha dichiarato una persona. Circa il 30% del personale della megabanca è in Svizzera, ma è distribuito tra le attività nazionali e i dipendenti che hanno sede nel Paese ma lavorano per le funzioni aziendali o nella gestione patrimoniale.

Ermotti ha dichiarato che lo “scenario di base” è che UBS mantenga l’unità nazionale di Credit Suisse. Molti dipendenti, sulla base dei commenti rilasciati da Ermotti e dal presidente Colm Kelleher durante le riunioni e i townhall di questo mese, si aspettano una fusione completa delle attività, soprattutto dopo il deterioramento del ramo di private banking del Credit Suisse.

Articoli più popolari

I più discussi

Attualità

persona anziana con gli sci

Altri sviluppi

Sylvain Saudan, “Sciatore dell’impossibile”, è morto a 87 anni 

Questo contenuto è stato pubblicato al Pochi avrebbero scommesso che Sylvain Saudan, pioniere dello sci estremo, sarebbe morto nella tranquillità di casa sua in tarda età. Eppure, è ciò che è successo lo scorso 14 luglio.

Di più Sylvain Saudan, “Sciatore dell’impossibile”, è morto a 87 anni 
Trump

Altri sviluppi

Attentato a Trump, le reazioni della politica svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al In seguito all'attentato a Donald Trump avvenuto nel corso di un comizio e nel quale l'ex presidente statunitense è stato leggermente ferito a un orecchio, la politica elvetica ha reagito. La presidente Viola Amherd si è detta "scioccata".

Di più Attentato a Trump, le reazioni della politica svizzera

Altri sviluppi

Manifestazioni in diverse città per lo sciopero delle donne

Questo contenuto è stato pubblicato al In tutta la Svizzera le donne sono scese oggi in piazza: in diverse città le associazioni femministe hanno chiamato a manifestare per affermare i propri diritti. Gli eventi in programma per lo sciopero erano numerosi.

Di più Manifestazioni in diverse città per lo sciopero delle donne
aerei

Altri sviluppi

Aerei militari atterrano sull’autostrada

Questo contenuto è stato pubblicato al Quattro caccia F/A-18 si sono posati sull'asfalto dell'A1 a Payerne (Canton Vaud) nell'ambito di un'esercitazione militare che non veniva più effettuata dai tempi della Guerra Fredda.

Di più Aerei militari atterrano sull’autostrada

Altri sviluppi

CSt: ok a programma nazionale contro antisemitismo

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera deve essere liberata dalla piaga del razzismo e dell'antisemitismo, che trascende le frontiere sociali e partitiche, lanciando un piano d'azione nazionale contro questi fenomeni.

Di più CSt: ok a programma nazionale contro antisemitismo

Altri sviluppi

CSt: quasi un miliardo per la cultura

Questo contenuto è stato pubblicato al Per il periodo 2025-2028, il settore della cultura dovrebbe beneficiare di un budget di quasi 990 milioni di franchi.

Di più CSt: quasi un miliardo per la cultura

Altri sviluppi

GE: ex consigliera di Stato usò risorse pubbliche per sua campagna

Questo contenuto è stato pubblicato al A Ginevra l'ex consigliera di Stato ecologista Fabienne Fischer ha utilizzato risorse pubbliche per la sua campagna elettorale del 2023: è la conclusione cui è giunta la Commissione di controllo e di gestione del Gran Consiglio resa pubblica oggi.

Di più GE: ex consigliera di Stato usò risorse pubbliche per sua campagna

Altri sviluppi

Borsa svizzera: apre in ribasso

Questo contenuto è stato pubblicato al La borsa svizzera apre in ribasso la seconda seduta della settimana: poco dopo le 09.20 l'indice dei valori guida SMI segnava 11'997,45 punti, in flessione dello 0,08% rispetto a ieri.

Di più Borsa svizzera: apre in ribasso

Altri sviluppi

Trump verso il giorno del giudizio, De Niro lo attacca

Questo contenuto è stato pubblicato al Si avvicina il giorno del giudizio per Donald Trump nel caso pornostar: dopo oltre un mese di processo, mercoledì il giudice darà le istruzioni alla giuria prima che si ritiri in camera di consiglio. Una decisione è attesa entro fine settimana.

Di più Trump verso il giorno del giudizio, De Niro lo attacca

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR