IVA: fatturato di 609 miliardi di franchi nel 1999

Nel 1999 il fatturato sottoposto all'IVA ha raggiunto i 609 miliardi di franchi, ossia in media 70 milioni di franchi all'ora. Rispetto al 1998 il volume d'affari è aumentato del 3,8 per cento, annuncia giovedì l'Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC).

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 luglio 2001 - 12:27

Per la prima volta dall'introduzione dell'IVA, le aliquote d'imposta sono state aumentate. L'incremento di un punto percentuale è entrato in vigore all'inizio dell'anno in rassegna. Il fatturato totale dichiarato per il 1999 ammonta a 1.412 miliardi di franchi. Questo importo si suddivide in cifra d'affari imponibile, che ha raggiunto 609 miliardi di franchi o il 43 per cento del totale e cifra d'affari non imponibile (esportazione di beni e servizi nonché fatturati esclusi dall'IVA) di 803 miliardi di franchi.

La crescita del 3,8 per cento rispetto al 1998 ha interessato soprattutto il commercio, le telecomunicazioni, i servizi finanziari e l'informatica, sottolinea l'AFC. Il volume d'affari è migliorato nel settore chimico, mentre è diminuito nelle industrie tessile e meccanica.

Per garantire il finanziamento dell'assicurazione per la vecchiaia, i superstiti e l'invalidità, la Confederazione ha aumentato le aliquote dell'IVA dal 1° gennaio 1999. L'aliquota normale e quella ridotta sono passate rispettivamente dal 6,5 al 7,5 per cento e dal 2,0 al 2,3 per cento, mentre l'aliquota speciale per le prestazioni del settore alberghiero («aliquota per prestazioni alberghiere») è stata aumentata di mezzo punto percentuale ed è ora del 3,5 per cento.

Un punto percentuale di IVA supplementare corrisponde più o meno ad un aumento del 15 per cento dell'onere fiscale, cifra che si ripercuote sugli introiti dell'imposta che passano da 13,0 a 15,4 miliardi di franchi.

IVA: quasi 300.000 contribuenti nel 1999¶

I contribuenti attivi sottoposti all'IVA nel 1999 erano 295.000. Il terziario ne riuniva circa il 70 per cento, il secondario un po' meno del 30 per cento, il primario soltanto il 2 per cento. L'AFC ricorda peraltro che è assoggettato all'IVA chiunque svolge un'attività indipendente, commerciale o professionale, nella misura in cui le sue prestazioni in Svizzera superano complessivamente 75.000 franchi annui.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo