Ricercatori svizzeri e britannici hanno modificato le molecole di zucchero affinché siano in grado, attraverso un semplice contatto, di distruggere virus, senza tossicità per l'essere umano. Il metodo potrebbe applicarsi a nuovi virus emergenti.

Gli attuali farmaci antivirali agiscono per la maggior parte inibendo la crescita dei virus senza riuscire a distruggerli. Inoltre non sono sempre affidabili: i virus possono mutare e diventare resistenti a questi trattamenti, ha ricordato oggi l'Università di Ginevra in un comunicato.

"Per aggirare questi due ostacoli ed essere in grado di lottare efficacemente contro le infezioni virali, abbiamo trovato un approccio completamente differente", sottolinea Caroline Tapparel Vu, professoressa al Dipartimento di microbiologia e medicina molecolare dell'Università di Ginevra, che ha diretto questi lavori con Francesco Stellacci professore al Politecnico federale di Losanna (EPFL).

Non tossico

I ricercatori sono riusciti a mettere a punto un antivirale utilizzando dei derivati naturali del glucosio, chiamati ciclodestrine, secondo quanto pubblicato sulla rivista Science Advances.

"I vantaggi delle ciclodestrine sono numerosi: ancora più biocompatibili rispetto all'oro e di più facile utilizzazione, non innescano un meccanismo di resistenza e non sono tossiche", indica Samuel Jones, ricercatore all'Università di Manchester e membro dell'Henry Royce Institute for Advanced Materials, citato nel comunicato dell'Università di Ginevra.

Le molecole di zucchero modificate attirano i virus prima di renderli inattivi in modo irreversibile. Alterando il rivestimento esterno del virus, sono in grado di distruggere le particelle infettive per semplice contatto, invece di bloccare unicamente la crescita virale. E questo meccanismo sembra funzionare con qualsiasi virus. Un brevetto è stato depositato ed è stato creato uno spin-off per studiare lo sviluppo farmaceutico che potrebbe essere fatto con questa scoperta.

Anche se esistono medicinali contro certi virus come l'HIV e l'epatite C, questi restano specifici. Lo sviluppo di nuovi antivirali a largo spettro è essenziale per lottare contro i virus più devastanti o quelli emergenti contro i quali non esiste alcun trattamento. Questo approccio potrebbe essere efficace contro il coronavirus che sta dilagando attualmente soprattutto in Cina, secondo gli autori.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.