Mendrisio: processioni Settimana Santa sono patrimonio UNESCO

Un momento della rappresentazione della Passione di Cristo per le vie di Mendrisio. KEYSTONE/TI-PRESS/PABLO GIANINAZZI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 dicembre 2019 - 19:03
(SDA-ATS)

Importante riconoscimento per Mendrisio. Oggi l'UNESCO ha infatti iscritto le processioni della Settimana Santa nella Lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell'umanità.

La decisione è stata presa dal Comitato intergovernativo per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale, riunitosi nella capitale colombiana Bogotà, ha comunicato l'Ufficio federale della cultura (UFC).

Le processioni di Mendrisio sono portatrici di una tradizione vivente, tramandata di generazione in generazione grazie alla collaborazione con le scuole, alla creazione di un museo e alla realizzazione di progetti pedagogici. Hanno luogo ogni anno il Giovedì e il Venerdì Santo - la prossima edizione si terrà il 9 e il 10 aprile 2020 - e attraggono migliaia di spettatori.

La cerimonia del giovedì, animata da 270 figuranti, è dedicata alla rappresentazione della Passione di Cristo e del Cammino della Croce. Quella solenne del venerdì si concentra sul raccoglimento. Vi partecipano 700 abitanti del luogo, bambini compresi, che sfilano portando una serie di oggetti, accompagnati da vari corpi musicali.

Durante le processioni le luci della cittadina vengono spente e le vie sono rischiarate soltanto dai "trasparenti", dipinti traslucidi montati su telai e illuminati dall'interno. Tali opere, realizzate secondo una tecnica specifica risalente al Settecento, sono una delle particolarità e l'intento di conservare questa abilità pittorica costituisce un elemento fondamentale della candidatura.

Il dossier è stato depositato nel marzo del 2018. Alla sua preparazione avevano contribuito l'UFC e la Fondazione Processioni storiche di Mendrisio, con il sostegno delle autorità comunali.

Non si tratta della prima tradizione esclusivamente elvetica a entrare nella lista dell'UNESCO di recente. In precedenza, era toccato alla Fête des Vignerons nel 2016 e al Carnevale di Basilea nel 2017.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo