Meno passeggeri negli aeroporti svizzeri nei primi sei mesi

Il calo dei passeggeri nel primo semestre dell'anno nei tre principali aeroporti svizzeri, dovrebbe poter essere compensato nel secondo semestre Keystone Archive

I tre principali aeroporti svizzeri hanno registrato nella prima metà dell'anno una diminuzione del traffico passeggeri: il loro numero è salito solamente del 2,9 per cento a Zurigo- Kloten e del 2,5 per cento a Ginevra, mentre a Basilea-Mulhouse è calato del 2 per cento.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 agosto 2001 - 18:51

Allo scalo di Kloten i voli sono aumentati del 2,5 per cento in giugno e dello 0,6 per cento nei primi sei mesi dell'anno: un netto rallentamento se si pensa che nell'intero 2000 è stato registrato un incremento del 6,3 per cento. Questa frenata si spiega in particolare con il ricorso ad aerei più capienti che permettono di trasportare un maggior numero di passeggeri, ha reso noto Sonja Zöchling, portavoce dell'aeroporto zurighese.

Dal canto suo, Jean-Pierre Jobin, direttore dello scalo ginevrino ha indicato che «Si avverte un rallentamento generale dal mese di aprile». Se nei primi tre mesi dell'anno è stato registrato un incremento compreso fra il 6 e l'8 per cento, la tendenza si è invertita da quel momento ed a luglio si è persino ottenuto un risultato negativo.

Jobin non è però preoccupato: i risultati del 2000 avevano raggiunto un livello (più 11,5 per cento) che difficilmente potrà esser emulato. Inoltre, il secondo semestre è per tradizione migliore per il settore aeroportuale. Il calo maggiore tra i passeggeri è quello riscontrato tra gli uomini d'affari e tra i turisti.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo