Navigation

Il popolo dice sì. E dopo?

Dal momento in cui un’iniziativa è accettata in votazione popolare, inizia il vero e proprio lavoro del parlamento. Come conciliare al meglio le decisioni popolari con le normative vigenti?

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 ottobre 2017 - 11:00

Non è sempre semplice attuare la volontà del popolo. In Svizzera le iniziative popolariLink esterno possono essere formulate in forma di proposta generica oppure – ciò che è molto più frequente – in forma di progetto già elaborato, che non può essere modificato dal parlamento o dal governo federale. In caso di accettazione, il testo è iscritto tale e quale nella Costituzione federale.

Cosicché il parlamento svizzero si ritrova a dover fare i conti testi poco chiari o in contraddizione con la Costituzione, in parte accettati consapevolmente, quando deve legiferare. La giurista Nagihan Musliu sta preparando un manuale che dovrebbe contribuire ad agevolare questo compito.

In Democracy Lab, la serie di video di #DearDemocracyLink esterno, dei giovani ricercatori raccontano cosa hanno scoperto sulla democrazia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.