"Per noi si tratta di resistere, prima, ora, dopo"

Klaus Petrus

Il coronavirus colpisce negozi, scuole, industrie, tutti noi. E coloro che vivono ai margini della società? Il virus ha anche messo sottosopra la vita degli emarginati.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 giugno 2020 - 11:00
Klaus Peters (foto e testo) , Ester Unterfinger (redazione fotografica)

Si suppone che ce ne siano 400 solo nella città di Berna. Nessuno sa con certezza quanti siano in tutta la Svizzera. Persone senza fissa dimora, tossicodipendenti, lavoratori del sesso, tutti sono colpiti dalla pandemia – meno dal virus, dicono, che dalle misure imposte dalla Confederazione per contenere la sua diffusione. Alcuni non possono restare a casa, anche se vogliono, perché non hanno una casa.

C., 46 anni, due figli, senza lavoro, senza casa

"Ho vissuto la mia vita, è andata su e giù. Le maledette droghe, l'alcool, la prostituzione, ti logorano. Ma io "sono ancora viva, still alive". Credo fermamente in me stessa. E che vi sia un significato più profondo in tutto questo. E che, alla fine, è giusto che sia così". Klaus Petrus

L., 35 anni, un figlio, senza lavoro, senza casa

"Sto qui a chiedere l'elemosina, mi servono 25 franchi al giorno, la gente a volte mi porta da mangiare, mi mettono una lattina di birra in mano, qualche sigaretta. Ci sono momenti in cui spero in un miracolo, almeno piccolo. Ma anche i miracoli se ne vanno il giorno dopo. Stanotte dormirò fuori, dove, non lo so ancora". Klaus Petrus

P., 49, tre figli, lavoratrice del sesso

"Prima avevo cinque o sei clienti a notte, ora sono forse due. Chiaro che i prezzi si sono così abbassati. Conosco ragazze che lo fanno per 30 franchi, tutto compreso. Questa è una brutta cosa. Per fortuna ho dei clienti abituali. Vengono anche adesso, coronavirus o no". Klaus Petrus

N., 36, disoccupata, senza fissa dimora


"Amore, affetto, tenerezza, non ho conosciuto tutto questo. I miei genitori erano tossicodipendenti, avevano altri problemi e non hanno mai avuto tempo per me. Ho preso della droga per la prima volta a 14 anni, ma ci sono finita dentro più tardi, oltre i vent'anni. È particolarmente difficile come donna per le strade, bisogna sempre stare attenti. Non mi prostituirei mai, non è solo una questione di igiene e salute, ma anche di dignità. Preferisco chiedere l'elemosina per strada, molti sono amichevoli. Ora, a causa del coronavirus, è più difficile, la gente resta a casa, sono sempre a corto di soldi. Qualche giorno fa ho dovuto dare via il mio cane, è stato brutto. Ma per lui era ancora peggio questa vita per strada. In realtà sono fiduciosa: ho solo trent'anni, ho la vita davanti a me. Non è vero?" Klaus Petrus

D., 34 anni, senza lavoro, senza casa

"Sì, mi inginocchio davanti alla gente quando chiedo l’elemosina. So che è un gesto estremo, ma per me mendicare non è indegno. Non forzo nessuno, non faccio del male a nessuno, non sono un criminale. Chiedo l’elemosina, tutto qui. Nei giorni buoni guadagno dai 100 ai 120 franchi, dalla pandemia di corona sono forse 40". Klaus Petrus

L., 53 anni, un figlio, senza lavoro, senza casa

"Prima avevo molti progetti. Veramente molti progetti. Mi dicevo: quando mi sarò disintossicato, farò questo e quell’altro. Mi sono convinto di un sacco di cose, ero piuttosto bravo in questo. Oggi sono realista. Sono vecchio, tossicodipendente, non ho un lavoro, dormo per strada, quindi non meniamo il can per l'aia: la mia vita è finita. Ok, forse ci sarà una svolta e ce la farò di nuovo. Poi ne riparleremo. Ma non ora". Klaus Petrus

D., 38 anni, tossicodipendente da 20 anni, senza lavoro, senza fissa dimora

"Cerco di pensare in modo positivo. L'inverno, per esempio, è stato mite. Immaginate come sarebbe stato con notti fredde, molte di fila, pioggia e, magari, anche la neve. Ma così è andata, in qualche modo. All'aperto dormo male, mi servono quindi cinque franchi per un letto nel dormitorio per i senzatetto. A volte ho i soldi, ma spesso non li ho. Ora non ci sono quasi più persone in giro, il che rende la cosa ancora più difficile. Ma ogni giorno che passo è un giorno vinto. Io la vedo così". Klaus Petrus

T., 38 anni, disoccupato, senza fissa dimora

"Ora che le strade sono vuote, ci vedono ovunque. E già puntano il dito contro di noi: guardateli! Prima eravamo praticamente invisibili. Ma siamo ancora qui. Sopportare la crisi del coronavirus? Per noi si tratta di resistere, ora, prima, sempre". Klaus Petrus


Pochi posti letto nei dormitori

Per rispettare le norme federali sulla distanza sociale, i rifugi d'emergenza di diverse città svizzere hanno dovuto ridurre al minimo i loro posti letto. Ora solo una persona può dormire in una camera a 4 letti e due in camere a 6 letti.

In Svizzera non esistono ancora statistiche o cifre sul fenomeno dei senzatetto. Gli unici dati disponibili riguardano la città di Basilea. Lo conferma Esther Mühlethaler, assistente di ricerca presso la Scuola universitaria professionale per l'assistenza sociale della Svizzera nordoccidentale, che ha partecipato allo studio di Basilea. Il suo team sta attualmente lavorando ad una prima indagine quantitativa nazionale, che sarà condotta e pubblicata nel 2021.

End of insertion

Di conseguenza molte persone devono essere allontanate, una situazione insostenibile per queste istituzioni. Aiuti giungono da diverse parti. In varie città, ad esempio, fondazioni e organizzazioni ecclesiastiche hanno fornito denaro per affittare camere d'albergo, allestire container e convertire edifici in modo che siano di nuovo disponibili più posti letto.

La solidarietà è grande

Anche l'approvvigionamento alimentare per le persone senza dimora fissa è stato limitato a causa dell'ordinanza federale Covid 19. In alcuni casi perché non è possibile rispettare la distanza di sicurezza tra le persone o perché molti volontari appartengono ai gruppi a rischio, a causa della loro età, e non possono quindi prestare aiuto.

Organizzazioni della società civile stanno cercando di colmare queste lacune – offrendo generi alimentari in frigoriferi pubblici o distribuendoli in luoghi pubblici. Questo aiuto, che dovrebbe essere semplice e diretto, è possibile solo con un sostegno finanziario. Alla fine di marzo, la Chiesa cattolica della regione di Berna ha deciso di fornire aiuti d'emergenza per un milione di franchi. Gran parte del denaro andrà alle istituzioni sociali che aiutano i poveri e le altre persone ai margini della società.

Nella maggior parte delle città svizzere sono stati eretti dei recinti dove si possono appendere e raccogliere sacchi di cibo, vestiti o articoli per l'igiene. Klaus Petrus

​​​​​​​

Klaus Petrus lavora come fotoreporter e reporter freelance. Si interessa di conflitti sociali, guerre, migrazioni ed emarginazione e realizza reportage per giornali e riviste nazionali e internazionali in Svizzera, Medio Oriente, Balcani e Sub-Sahara.

End of insertion
Condividi questo articolo