Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera si muove in territorio negativo anche nel pomeriggio. Gli indici a Wall Street hanno aperto al ribasso - con un'ora d'anticipo a causa dell'introduzione dell'ora legale. Alle 14.55 circa il listino principale SMI segna 6087,88 punti, in calo dello 0,22%. L'indice complessivo è a quota 5529,89 (pure -0,22%).

La piazza di New York è in flessione dopo indicatori deludenti che si sono aggiunti alle incertezze dovute alla situazione in Giappone e in Medio Oriente. I permessi edilizi negli Usa a febbraio sono diminuiti dell'8,2%, smentendo le previsioni di un rialzo dell'1,2%. Le nuove costruzioni abitative dal canto loro sono scese al tasso annuo di 517'000 unità dalle 563'000 di gennaio, contro le attese di un rialzo a 570'000.

Tra le blue chip elvetiche pesa soprattutto Novartis, che perde l'1,11%. Roche è in flessione dello 0,39%. Nestlé - l'altro titolo difensivo di peso - dà invece una mano al mercato avanzando dello 0,41%.

Fra i valori bancari, l'UBS registra una contrazione dello 0,72%, il Credit Suisse dello 0,88% e la Julius Bär dello 0,86%. Dopo le forti perdite seguite al sisma in Giappone, il riassicuratore Swiss Re sale dello 0,35%. Zurich Financial è di poco sotto la linea (-0,04%).

Fra i titoli più sensibili ai cicli congiunturali, ABB guadagna lo 0,29%, Adecco scende dello 0,52% e Holcim dello 0,23%. Quanto ai titoli del lusso, Richemont è debole anche oggi (-1,30%). Swatch Group è invece in rialzo dello 0,54%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS