Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Non è il caso di scatenare una caccia alle streghe contro quelle aziende che non hanno pagato il canone radiotelevisivo; è meglio che la Billag si concentri sull'informazione alle stesse aziende e sul censimento di quelle che sono tenute a versare il canone. Lo dicono i servizi di Moritz Leuenberger, nella risposta scritta a una domanda del consigliere nazionale Christoph von Rotz (UDC/OW).
La Confederazione potrebbe reclamare la tassa non pagata, ma l'Ufficio federale della comunicazione (UFCOM) invita la Billag, società di riscossione del canone, a non accanirsi sul passato. Il Consiglio federale è intenzionato a far pagare il canone a tutti, indipendentemente dal possesso di una televisione o di una radio. Presentando questo progetto il governo aveva rilevato che attualmente oltre il 90% delle economie domestiche è in regola con il canone, mentre il 20-30% delle aziende è moroso. L'Unione svizzera delle arti e mestieri non è affatto d'accordo che anche le piccole e medie imprese siano obbligate al pagamento della tassa radiotelevisiva.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS