Navigation

Canone radio TV: no a caccia alle streghe per le aziende

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2010 - 11:41
(Keystone-ATS)

BERNA - Non è il caso di scatenare una caccia alle streghe contro quelle aziende che non hanno pagato il canone radiotelevisivo; è meglio che la Billag si concentri sull'informazione alle stesse aziende e sul censimento di quelle che sono tenute a versare il canone. Lo dicono i servizi di Moritz Leuenberger, nella risposta scritta a una domanda del consigliere nazionale Christoph von Rotz (UDC/OW).
La Confederazione potrebbe reclamare la tassa non pagata, ma l'Ufficio federale della comunicazione (UFCOM) invita la Billag, società di riscossione del canone, a non accanirsi sul passato. Il Consiglio federale è intenzionato a far pagare il canone a tutti, indipendentemente dal possesso di una televisione o di una radio. Presentando questo progetto il governo aveva rilevato che attualmente oltre il 90% delle economie domestiche è in regola con il canone, mentre il 20-30% delle aziende è moroso. L'Unione svizzera delle arti e mestieri non è affatto d'accordo che anche le piccole e medie imprese siano obbligate al pagamento della tassa radiotelevisiva.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.