La Banca cantonale di Zurigo (ZKB) corregge al rialzo le sue stime di crescita dell'economia svizzera per l'anno in corso: secondo gli economisti dell'istituto il prodotto interno lordo dovrebbe progredire del 2,0%, e non dell'1,7% come inizialmente previsto.

Le ripercussioni della forza del franco sulle esportazioni saranno più moderate di quanto si temesse ancora alcuni mesi or sono, scrive ZKB in un comunicato. A scongiurare il peggio è la diversificazione dell'export elvetico, cui contribuiscono soprattutto le relazioni con le economie emergenti asiatiche.

Sul fronte interno rimangono invece inalterati la propensione al consumo e l'attrattiva del paese per gli immigrati qualificati. La disoccupazione dovrebbe inoltre contrarsi al 3,2%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.