Navigation

Coronavirus: GE, Cantone requisisce reparto ospedale privato

Antonio Hodgers, presidente del Consiglio di Stato ginevrino KEYSTONE/MARTIAL TREZZINI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 14 marzo 2020 - 16:01
(Keystone-ATS)

Stamane il Canton Ginevra ha requisito il reparto di terapia intensiva dell'ospedale privato La Tour, a Meyrin. La misura consente di disporre di più posti di terapia intensiva per far fronte all'epidemia di coronavirus.

Il numero abituale di posti letto in terapia intensiva "può essere più che raddoppiato all'interno del sistema ginevrino", ha dichiarato il presidente del Consiglio di Stato Antonio Hodgers alla radiotelevisione romanda RTS, senza precisare cifre. "Ci accingiamo a requisire tutte le attrezzature, gli spazi e i professionisti necessari", ha continuato, riferendosi alle cliniche private.

Il Cantone non vuole comunque indebolire gli altri servizi medici. "La popolazione ha altri problemi di salute oltre al coronavirus, e noi dobbiamo assumercene la responsabilità", ha sottolineato il magistrato. "Oggi la sfida è quella di riuscire a fronteggiare l'ondata e non lasciare che travolga il nostro sistema sanitario", ha spiegato, considerando che "il peggio deve ancora venire".

Il Cantone ha chiesto alle cliniche private, con il loro consenso, di attivarsi. "In generale, la collaborazione con tutti gli enti privati funziona molto bene", ha osservato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.