Navigation

Darbellay (PPD): per una Svizzera aperta

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 luglio 2011 - 21:29
(Keystone-ATS)

Il presidente del Partito popolare democratico svizzero (PPD), Christophe Darbellay, parlando in serata a Conthey (VS) per la festa nazionale, ha auspicato una Svizzera aperta. Non deve aderire all'Unione europea, ma neppure chiudersi su se stessa, ha detto. Gli accordi bilaterali sono importanti e il Paese ne ha bisogno.

Ha quindi chiesto al Consiglio federale si "svegliarsi", guardare alle difficoltà che vivono certi settori economici, come il turismo, dove circa 500 alberghi rischiano di dover chiudere a causa della forza del franco svizzero. darbellay ha chiesto alle banche di mostrare comprensione per queste difficoltà. A suo dire, visto il calo dell'euro, i prezzi delle merci importate dovrebbero calare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.