Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Leuthard e Macri

KEYSTONE/EPA EFE/DAVID FERNANDEZ

(sda-ats)

La presidente della Confederazione Doris Leuthard ha incontrato oggi a Buenos Aires il suo omologo argentino Mauricio Macri.

Al termine delle discussioni è stata adottata "una dichiarazione presidenziale congiunta che servirà da piano operativo per l'ulteriore sviluppo della cooperazione fra i due Paesi".

Prima di incontrare il presidente argentino, Leuthard ha depositato una corona ai piedi del monumento dedicato al generale San Martín, uno dei principali artefici dell'indipendenza della Repubblica Argentina, conseguita nel 1816.

Durante l'incontro - a cui la stampa argentina ha dedicato ampio spazio - Macri ha illustrato a Leuthard l'agenda delle riforme previste nel Paese. Da parte sua, la presidente della Confederazione gli ha assicurato "la disponibilità della Svizzera a collaborare con l'Argentina in particolare nell'ambito del G20 Finanze, nella lotta alla corruzione, oltre che nei settori del commercio e degli investimenti", scrive il Dipartimento dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) in una nota.

Durante le discussioni si è anche parlato di temi economici e commerciali, in particolare del previsto accordo di libero scambio fra l'Associazione europea di libero scambio (AELS) e il Mercosur, il mercato comune dell'America meridionale. I negoziati in merito dovrebbero iniziare entro l'estate.

Stando a quanto riferito dal Ministero dell'economia del Paese latinoamericano, ieri Doris Leuthard ha incontrato a Buenos Aires i ministri argentini dell'economia Nicolás Dujovne e delle finanze Luis Caputo. Nell'incontro si è discusso dello "sviluppo degli accordi tra i due Paesi in merito allo scambio automatico di informazioni fiscali".

La presidente della Confederazione e la folta delegazione elvetica hanno anche avuto tutta una serie di appuntamenti con funzionari nazionali e investitori privati. Leuthard, afferma la nota del ministero argentino, è accompagnata da oltre trenta CEO di aziende svizzere delle macchine, ferrovie, ingegneria, farmaceutica, energie rinnovabili, agroalimentare e settore finanziario.

Il DATEC ha poi precisato che è pure previsto un incontro con cittadini svizzeri residenti in Argentina. I circa 16'000 connazionali che vivono oggi in Argentina costituiscono la colonia elvetica più numerosa di tutta l'America Latina.

La delegazione svizzera si recherà giovedì in Perù. Il giorno successivo Doris Leuthard sarà ricevuta dal presidente Pedro Pablo Kuczynski. Con lui discuterà di politica economica e commerciale, cooperazione in ambito giuridico, nonché di questioni culturali e di aspetti legati ai cambiamenti climatici e ai diritti umani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS