Conti sempre più in rosso per il Partito socialista svizzero

Reto Gamma, segretario generale del Partito socialista svizzero, in un'immagine dello scorso 31 gennaio Keystone

La situazione finanziaria del partito socialista svizzero è sempre più grave. I conti 2000 si sono infatti chiusi con un passivo di oltre 400 mila franchi, ben oltre il deficit di 60 mila franchi iscritto nel preventivo. La notizia, di fonte giornalistica, è stata confermata sabato dal segretario generale Reto Gamma, che non ha comunque voluto rivelare nel dettaglio le cifre del disavanzo del PSS.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 aprile 2001 - 19:06

L'amministratrice del PS Therese Fehlmann, secondo quanto riporta l'edizione in edicola sabato del quotidiano svizzero tedesco Berner Zeitung, ha quantificato il disavanzo in 430 mila franchi.

Gli introiti sono risultati superiori ai pronostici ed hanno raggiunto 3,5 milioni di franchi, ma nel contempo sono aumentate anche le spese per un totale di 3,9 milioni. Ed una raccolta di fondi, lanciata nello scorso ottobre, ha prodotto risultati inferiori alle previsioni.

Il preoccupante saldo negativo dell'esercizio finanziario dello scorso anno è dovuto in parte anche al fatto che nel bilancio sono stati riportati i debiti del precedente esercizio finanziario. Un'operazione, quest'ultima come ha precisato il segretario generale del PS Reto Gamma, effettuata con il dichiarato obiettivo di trasmettere alla nuova direzione del PS una situazione finanziaria sana.

I conti definitivi saranno ufficialmente presentati alla direzione del partito il 10 maggio prossimo. A differenza di altre formazioni politiche, ha detto Gamma, il PS non può contare su sostanziali contributi da parte del mondo dell'economia e della finanza elvetica.

Il futuro finanziario del Partito socialista svizzero poggia comunque su diversi programmi di risanamento attualmente allo studio. Da segnalare che già il precedente comitato direttivo del PS aveva deciso di aumentare le quote annuali versate dai membri e messo in opera un piano di risparmio delle spese.

swissinfo e agenzie

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo