Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

L'ABB rimane in zona utili nel 2009

L'azienda con sede a Winterthur, nel canton Zurigo, ha registrato lo scorso anno una diminuzione del 7% a 2,9 miliardi di dollari dell'utile netto. In calo anche il giro d'affari, sceso del 9% a 31,8 miliardi.

Il 2009 è stato caratterizzato dalla "peggiore recessione" che il gruppo ha conosciuto a memoria d'uomo, ciononostante "grazie ai rapidi interventi, abbiamo raggiunto i risultati che ci eravamo prefissati", ha affermato l'amministratore delegato della ABB Joe Hogan, citato nel comunicato diramato giovedì.

Nel quarto trimestre, il gruppo tecnologico ha registrato un netto miglioramento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il giro d'affari è infatti cresciuto del 4% a 8,7 miliardi, mentre l'utile è più che raddoppiato, passando da 213 a 540 milioni.

Sull'arco dell'intero esercizio, le nuove commesse sono calate del 19% a 31 milardi, ma la tendenza si è attenuata nel corso degli ultimi tre mesi. Il risultato operativo ha dal canto suo subito una contrazione del 9% a 4,1 miliardi di dollari.

Malgrado la degradazione dei risultati, l'azienda distribuirà un dividendo invariato di 0,51 franchi per azione (+2 centesimi).

Per il 2010, l'ABB non si sbilancia, sottolineando che le prospettive nei suoi principali rami d'attività sono ancora incerti.

swissinfo.ch e agenzie


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.