Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Le caramelle svizzere fanno gola all'estero

I tre quarti dei biscotti fabbricati in Svizzera sono destinati al mercato esterno

(Keystone)

Caramelle e dolcetti prodotti in Svizzera sono sempre più apprezzati all'estero: l'anno scorso le esportazioni sono aumentate del 14% rispetto al 2006, raggiungendo 20'722 tonnellate.

In Svizzera invece le vendite sono stagnate nel 2007. Gli svizzeri consumano in media 3,3 chili pro capite di caramelle all'anno.

Per il quinto anno consecutivo, l'industria dolciaria svizzera ha aumentato il suo fatturato. Nel 2007, il volume delle vendite è progredito del 9,6% a 28 652 tonnellate.

Il giro d'affari globale è cresciuto invece del 7,4% a 337 milioni di franchi, ha indicato l'associazione di categoria biscosuisse in una nota pubblicata venerdì.

Mentre all'estero lo smercio di caramelle e dolcetti elvetici ha continuato ad aumentare, sul mercato interno si è evidenziata l'anno scorso una certa saturazione.

Vendite in Svizzera in calo

Sul mercato indigeno il fatturato dell'industria dolciaria, che riunisce quindici fabbricanti ed impiega in totale circa 800 persone, è infatti leggermente calato (-0,7% a 105,6 milioni), per un volume praticamente identico (7880 tonnellate).

Globalmente, importazioni comprese, sul mercato interno sono state smerciate nel 2007 25 393 tonnellate tra dolci e biscotti. Concretamente, ciò significa che il consumo si è mantenuto stabile a 3,3 kg per abitante all'anno.

Esportazioni in crescita

Nelle esportazioni le vendite sono progredite dell'11,5% a 231 milioni di franchi: sono infatti state commercializzate 20 772 tonnellate di dolci (+13,7%).

Già elevata rispetto a quella di altri settori dell'industria alimentare, la quota delle esportazioni è ulteriormente cresciuta, attestandosi al 72,5% della produzione globale (2006: 69,9%).

La Germania continua ad essere il principale dei 90 mercati di esportazione, con una quota del 20,5%, seguita dagli Stati Uniti 19,6%, dalla Francia 16,7% e dai Paesi Bassi 10,1%. Le vendite sono progredite anche in altri paesi europei, in particolare in Gran Bretagna e in Svezia, mentre i primi prodotti sono apparsi sui mercati di Polonia, Romania e Bulgaria.

swissinfo e agenzie

Cioccolata e caramelle

Gli svizzeri apprezzano molto di più il cioccolato delle caramelle. Con 12,3 kg a testa nel 2007, la Svizzera figura in testa tra i paesi europei per quanto concerne il consumo di cioccolato.

Gli svizzeri si trovano invece nella media per quanto concerne il consumo di caramelle (3,3 kg a testa all'anno). I maggiori consumatori di caramelle sono gli svedesi con 9,2 kg all'anno, davanti ai danesi con 8,9 kg.

Tenendo conto di caramelle, cioccolato, biscotti e torte, i più grandi consumatori europei sono gli irlandesi con 42,6 kg a testa, davanti ai danesi (40,1 kg), austriaci (32,1 kg). Il consumo meno grande si registra in Spagna (16,1 kg) e Grecia (12,2 kg).

Fine della finestrella


Link

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

×