Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Lega musulmana mondiale Islam: “La Svizzera è un importante centro per i sauditi”

La più grande moschea svizzera si trova a Le Petit-Saconnex, vicino a Ginevra. È stata fondata nel 1978 grazie a finanziamenti dell'Arabia Saudita.

(AFP)

Guidata dall’Arabia Saudita, la Lega musulmana mondiale è un’organizzazione ricca ed influente, anche in Svizzera. Nelle sue trenta moschee presenti sul territorio elvetico promuove un’interpretazione dell’islam che favorisce la radicalizzazione, afferma l’esperta Saida Keller-Messahli.

“La lega sostiene i musulmani in tutto il mondo, soprattutto in Occidente, dove il numero di fedeli è in costante crescita”, afferma Nabil Arab, direttore della Fondazione del Re Faysal di Basilea, uno dei due centri culturali islamici in Svizzera che sono finanziati dall’Arabia Saudita.

Arab è entrato in contatto con la Lega musulmana mondiale 14 anni fa e ha partecipato a diverse conferenze coordinate dall’organizzazione in Arabia Saudita. Si dice affascinato dalla regione del Golfo e dal suo rapido sviluppo, loda la generosità dei padroni di casa, le capacità organizzative della Lega e la saggezza degli studiosi dell’islam invitati ai diversi eventi.

Alla domanda se la Lega è un’organizzazione radicale, Arab risponde: “Assolutamente no. Sono persone cordiali e ben istruite”. La Lega, afferma Arab, lavora per la pace e promuove perfino delle conferenze antiterrorismo.

Il wahabismo come unico vero islam

La veridicità di queste affermazioni è però ancora da dimostrare visto che uno degli studiosi invitati alle conferenze della Lega è Yusuf al Qaradawi. Il famoso predicatore sostiene, tra le altre cose, che un uomo dovrebbe avere il diritto di picchiare la moglie e che il tradimento dovrebbe essere punito con la pena di morte. Yusuf al Qaradawi ha anche affermato che l’ideologia islamica conquisterà l’Europa.

Di fatto, la Lega musulmana mondiale è attiva in tutti i continenti e rappresenta la più grande organizzazione religiosa al mondo, sostiene la presidente del Forum per un islam progressista, Saida Keller-Messahli, in un’intervista alla radio svizzero-tedesca SRF.

La Lega musulmana mondiale è stata fondata nel 1962 in Arabia Saudita, in contrapposizione alla sete di democrazia dei paesi arabi. È guidata da sauditi e ha come obiettivo di convertire i musulmani di tutto il mondo al wahabismo.

Occhi puntati sulla Svizzera

Secondo Saida Keller-Messahli, il wahabismo è una dottrina che “non considera per nulla le conquiste moderne, come il rispetto dei diritti umani o dei diritti individuali. L’ideologia saudita, che divide il mondo in bene e male e a volte diffonde contenuti razzisti e misantropi, ha le sue radici nella testa delle persone”. In altre parole, afferma l’esperta, i predicatori divulgano questi principi e fanno sì che penetrino nella mente dei fedeli.

Saida Keller-Messahli ritiene che la Svizzera abbia un ruolo importante per l’Arabia Saudita, in particolare Ginevra. È qui infatti che è stato creato il primo centro della Lega all’estero e da poco la città ospita anche la sede del consiglio di coordinazione europeo. Un consiglio che, secondo l’esperta, ha legami con almeno trenta moschee in Svizzera. 

La Lega musulmana mondiale – o Lega del mondo islamico – è stata fondata nel 1962 a Mecca, dove ha tuttora sede, su iniziativa del re saudita Faysal.

Conta diversi uffici internazionali: Nigeria, Mozambico, Mauritius, Malesia, Kenya, Canada, Francia, Russia, Gibuti e la Somalia, Sud Africa, Mauritania, Comore, Togo, Tanzania, Burundi, Bangladesh, Pakistan, Austria, Maldive, Congo, Sudan, Senegal, Danimarca, Gabon, Bosnia, Giordania, Italia, Uganda, Indonesia, Australia e Regno Unito.

Diversi centri islamici culturali sono sostenuti dalla Lega, tra cui due in Svizzera: la Fondazione Re Faysal di Basilea e la Fondazione culturale islamica di Ginevra.

Fine della finestrella


(Traduzione dal tedesco, Stefania Summermatter)

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.