Prospettive svizzere in 10 lingue

Alain Berset: “La cultura politica svizzera è cambiata”

alain berset al centro di una folla che scatta delle foto
Al culmine della crisi di Covid-19, nell'ottobre 2021: Alain Berset incontra la popolazione sotto stretta sorveglianza. Keystone / Peter Schneider

Il presidente della Confederazione Alain Berset, che mercoledì ha annunciato le sue dimissioni dal Consiglio federale, è il primo politico svizzero a essere rimasto sotto protezione della polizia 24 ore su 24. Per la cultura politica elvetica, questo rappresenta un punto di svolta. Intervista.

In Svizzera, per i membri del Governo è normale potersi muovere come normali cittadini o cittadine, sia sui mezzi pubblici che durante una gita in famiglia. Tuttavia, questa normalità è sempre meno scontata.

Il presidente della Confederazione, Alain Berset, che ha anche guidato la gestione della pandemia in quanto ministro della sanità, ha subito diverse minacce durante quel periodo. La sua abitazione, la sua casa di villeggiatura e la sua famiglia sono state poste sotto la protezione della polizia 24 ore su 24. Berset parla di “minacce molto brutali”. C’è stato un momento in cui si è chiesto: “Posso ancora fare bene il mio lavoro in queste condizioni?”.

SWI swissinfo.ch: Signor presidente della Confederazione, la cultura politica è cambiata durante il suo mandato in Consiglio federale?

Alain Berset: Sì, sono cambiate molte cose e dobbiamo davvero coltivare la cultura politica. Sono stati tempi incerti. Abbiamo assistito a un’evoluzione del populismo a livello internazionale. È iniziata nel 2016 e poi è proseguita con la pandemia, che è stata davvero un punto di svolta brutale per tutti noi.

Anche per lei?

Sì, anche per me. È stata la peggiore crisi che il Paese abbia affrontato dalla Seconda guerra mondiale. Poi c’è stata la crisi energetica, seguita dalla sfida della fine di Credit Suisse: c’è un’enorme necessità di comunicare con la società di oggi.

>> Alain Berset, le immagini di dodici anni nel Governo svizzero:

Con lei se ne va un comunicatore esperto. Quanto è importante il dialogo in politica?

Ci sono così tanti cambiamenti e questi creano anche incertezza. Ecco perché le spiegazioni sono così importanti. La pandemia, ma anche tutte le altre sfide, hanno dimostrato quanto sia importante discutere. Non si tratta solo di prendere decisioni in seno al Consiglio federale, ma anche di saperle spiegare correttamente.

alain berset in mezzo alla folla
Spensierato dopo la crisi del Covid: il presidente Berset a Winterthur nell’aprile 2023, ancora discretamente sorvegliato. © Keystone / Ennio Leanza

Questo cambiamento di cultura ha contribuito alla sua decisione di lasciare il Governo federale?

Al contrario, mi piacciono le situazioni complicate in cui bisogna dare il meglio di sé stessi. Questo è stato il caso con la pandemia. È stato estremamente impegnativo, ma interessante. La mia decisione di non candidarmi per un nuovo mandato è più semplice. In fin dei conti, avrò completato tre legislature e due anni di presidenza.

Inoltre, in Svizzera, da domenica, con la terza votazione sulla legge Covid, siamo arrivati alla fine della gestione di questa crisi legata alla pandemia.

Traduzione di Luigi Jorio

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo italian@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR