Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Sguardi svizzeri Dopo la sciagura di Fukushima, la vita continua

Sei anni dopo il disastro di Fukushima, l'11 marzo 2011, il 70% delle aree evacuate e chiuse stanno per essere riaperte dalle autorità giapponesi. La politica per consentire il ritorno della popolazione continua. Due ginevrini, Matthieu Berthod e Jean-Patrick Di Silvestro, raccontano il loro viaggio in quei luoghi ed illustrano la realtà odierna di Fukushima in un libro di disegni e fotografie intitolato "Après les vagues – Autour de Fukushima" ("Dopo le onde – Nei dintorni di Fukushima"). 

L'incidente nucleare di Fukushima – causato da due fenomenti congiunti, un terremoto di magnitudo 9 e uno tsunami – ha ucciso circa ventimila persone e devastato 600 km di costa. A Odaka i frangiflutti triangolari di cemento che pesano tonnellate sono stati trasportati dallo tsunami a tre chilometri nell'entroterra. Il fotografo Jean-Patrick Di Silvestro, ricorda: "Il vento che soffiava, le raffiche che attraversavano le case, il gracchio dei corvi: erano le uniche cose. La zona era deserta".

Nella zona di Odaka, contaminata dalla radioattività della centrale nucleare, i due artisti hanno incontrato solo anziani. "Per esempio, la signora Hanoi, che era indaffarata a ripulire la terra devastata per renderla coltivabile per la prossima generazione. Uno sforzo vano per i prossimi mille anni".

Attraverso disegni in bianco e nero, in uno stile sobrio e raffinato, Matthieu Berthod vuole esprimere la gravità della situazione. Tramite fotografie a colori, Jean-Patrick Di Silvedstro vuole mostrare la realtà "senza drammatizzare". I due ginevrini narrano come è organizzata la vita di tutti i giorni dopo la tragedia, con la speranza di un futuro, anche se il prezzo rischia di essere estremamente elevato.

Il disegnatore e il fotografo sperano che questo libro contribuisca a garantire che il governo elvetico rispetti i suoi impegni riguardo all'abbandono del nucleare in Svizzera e rafforzi l'attenzione sulla sicurezza degli impianti che invecchiano.

(1)

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

(Testo: Akiko Uehara)