"L'inizio in Ecuador è stato difficile"

All'insegnante piacciono i disegni del romanzo di "Heidi" di Johanna Spyri, famoso in tutto il mondo. Birte Pedersen/latinphoto.org

Heidi Burri di Basilea ha trovato 30 anni fa una nuova casa in Ecuador. La proprietà, situata vicino alla capitale Quito, è diventata un paradiso per lei e la sua famiglia. Una visita a domicilio.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 giugno 2020 - 15:30
Birte Pedersen

Non c'è quasi niente di svizzero nella casa moderna e soleggiata con la sua terrazza sul tetto, sulla quale Heidi fa i suoi esercizi di yoga, e con vista sulla verde vallata. Ma c'è il vecchio piatto di frutta su cui ora giacciono le banane ecuadoriane, la brocca del latte già un po' scheggiata e i centrini di pizzo fatti all'uncinetto dalla nonna. Tutti dalla Svizzera.

Nell'altopiano dell'Ecuador, nel distretto rurale di Chiviqui, a mezz'ora dal centro della capitale Quito, Heidi Burri ci accoglie a piedi nudi e di buon umore all'ingresso della sua grande proprietà. La condivide con i suoi due figli adulti, il genero e i tre nipoti.

Heidi Burri (69 anni) ha lavorato come insegnante e educatrice curativa a Basilea fino all'età di 40 anni. Nel 1991 è venuta in Ecuador con il suo partner e due bambini di cinque e nove anni. Hanno acquistato un grande campo, alle porte della città, sul quale hanno piantato alberi e costruito la casa.

Birte Pedersen/latinphoto.org

Stretti legami con la Svizzera

Oggi, quasi 30 anni dopo, vivono nella loro foresta e, nonostante la rapida crescita della città, la vista continua a spaziare sulla natura. "A casa abbiamo sempre parlato dialetto svizzero-tedesco. Anche con i nipoti, nati in Ecuador".

Heidi Burri è ancora in stretto contatto con il suo paese d'origine, da cui riceve spesso visite. Quando è in Svizzera, si gode la cultura, andando in librerie, musei, teatro e cinema.

E la vita in Ecuador? Cita il clima, le possibilità, la vicinanza alla natura, la vita semplice, modesta e umana, e lo spazio che ancora esiste. "I primi giorni in Ecuador sono stati una dura lezione per me. Qui si applicano leggi diverse: un sì è relativo. Non è stato facile per me capire. Oggi penso che sia un bene, diventi più flessibile", dice.

Insegna tedesco, su misura, un’attività che le dà grandi soddisfazioni. “E sono sempre attiva anche come nonna. Con i nipoti, perlustriamo la proprietà e cerchiamo i nascondigli delle formiche".

Accende il computer solo di notte. "Recentemente ho scoperto anche il canale culturale radiofonico SRF2 della Società svizzera di radiotelevisione su Internet".

Birte Pedersen/latinphoto.org

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo